Il premier Giuseppe Conte (Ansa)
Il premier Giuseppe Conte (Ansa)

Roma, 15 gennaio 2021 - Crisi di governo: mentre il weekend sarà dedicato da parte del premier Conte alla ricerca dei cosiddetti responsabili o costruttori per sostituire i renziani che hanno staccato la spina, la prossima settimana sarà decisiva per capire come si risolverà la crisi innescata dalle dimissioni delle ministre di Italia Viva, Bellanova e Bonetti. Saranno soprattutto lunedì e martedì con le comunicazioni di Conte a Camera e Senato i giorni chiave. Vediamo allora qual è l'agenda della crisi.

Crisi di governo, Faraone: "Se Conte scioglie nodi, Italia Viva c'è"

Il sondaggio: Conte vale il 12%

Lunedì 18 gennaio

L'ufficio stampa di Montecitorio ha comunicato ufficialmente che lunedì alla Camera le comunicazioni del premier Conte inizieranno alle 12. Poi verranno presentate le risoluzioni e al termine del dibattito il voto di fiducia. Il voto avverrà per chiamata con appello nominale.

La crisi in 5 punti: cosa succede

Martedì 19 gennaio

Tocca al Senato. Conte replicherà le comunicazioni. Poi anche qui risoluzioni, dibattito e voto di fiducia finale. Il voto al Senato è quello che presenta a Conte i rischi maggiori perché i numeri della maggioranza dopo l'usicta dei renziani, sono risicatissimi. A sera sapremo quindi quele sarà la sorte del governo Conte bis.

Sempre martedì 19 la Camera terminerà il dibattito sul Decreto Natale.

Mercoledì 20 gennaio

Teatro sarà sempre Montecitorio dove è in programma la votazione sullo scostamento di bilancio (approvato ieri sera dal consiglio dei ministri). Italia Viva ha già fatto sapere che voterà comunque lo scostamento. In ogni caso i due appuntamenti (Decreto Natale) e scostamento saranno votati anche se verrà meno la maggioranza al governo.