Controlli per Coronavirus (Ansa)
Controlli per Coronavirus (Ansa)

Roma, 2 aprile 2020 - L’Italia sarà ancora ferma a Pasqua per l'emergenza Coronavirus. Il governo ha deciso che le misure di contenimento per fronteggiare l’emergenza dell’epidemia da coronavirus saranno allungate fino al 13 aprile, lunedì dell’Angelo. Il decreto è stato firmato dal premier e dal ministro della Salute e proroga sostanzialmente le restrizioni. Con alcune novità e qualche chiarimento dato ieri dallo stesso premier Conte. In fondo all'artioolo il testo integrale del decreto, scaricabile in Pdf.

Bambini e passeggiate

Martedì il ministero dell’Interno ha chiarito che la possibilità di uscire con i figli minori "è consentita a un solo genitore per camminare, purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione  e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute".

Spostamenti

l decreto chiarisce poi che "resta non consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto ed accedere ai parchi, alle ville, alle aree gioco, ai giardini pubblici". Consentiti "spostamenti nei pressi della propria abitazione giustificati 
da esigenze di accompagnamento di anziani o inabili". 

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19

Corsa e sport

Il nuovo decreto del consiglio dei ministri prevede anche una stretta sullo sport: sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati; sospese le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, all’interno degli impianti sportivi di ogni tipo. 

Per quanto riguarda il jogging, il Viminale sintetizzava in un tweet del 31 marzo che "l'attività sportiva (jogging) e l'attività motoria (camminata)" sono consentite "nei pressi della propria abitazione". 

Bicicletta e moto

Anche per muoversi  in bicicletta valgono  le stesse regole di auto e moto: obbligatorio mantenere la distanza  di sicurezza di un metro; spostamenti sempre motivati da comprovate esigenze di lavoro  o di salute, di necessità, nonché per il rientro alla propria abitazione.

Il decreto in Pdf

(Per scaricarlo premere su fullscreen e poi in alto a sinistra)