Di Maio, Conte e Salvini (Ansa)
Di Maio, Conte e Salvini (Ansa)

Roma, 20 maggio 2019 - Dopo una breve riunione durata venti minuti appena nel pomeriggio e al termine di una giornata di tensioni tra le forze che compongono il governo, è ripreso alle 21 a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri. Ma tre ore e mezza dopo è stato prima sospeso e poi rinviato. Sul tavolo c'erano il dl sicurezza bis voluto da Matteo Salvini e il decreto famiglia e natalità scritto da Luigi Di Maio.

Durante la discussione sul decreto sicurezza bis, secondo fonti governative, Conte ha spiegato come alcune criticità sul provvedimento siano state segnalate anche dal Quirinale. Il decreto, assieme a quello famiglia, è stato trasmesso infatti nel pomeriggio da Palazzo Chigi al Quirinale "per conoscenza". "Attendo di capire" quali sono le criticità avrebbe risposto Salvini al premier, durante una discussione molto animata, hanno riferito fonti leghiste.

E a quanto è trapelato Salvini ha anche chiesto la sospensione della riunione per avere spiegazioni sui presunti rilievi del Colle che, secondo lui, "è pronto". Ha espresso anche piena disponibilità a concordare eventuali modifiche al testo, se necessario. "Non faccio marcia indietro e sono pronto a arrivare al voto in Cdm" e ancora "sto qui tutta la notte se serve" avrebbe dichiarato il leader del Carroccio (sempre secondo fonti leghiste).  La riunione è stata quindi sospesa. Poi Conte si è riunito con i due vicepremier. Nel frattempo fonti dei 5 Stelle hanno fatto sapere che erano pronti a lavorare con la Lega sulle criticità. Ma alla fine è arrivato il rinvio del Cdm in attesa di chiarire con il Quirinale le criticità del provvedimento. E quindi anche l'esame del decreto famiglia è stato rinviato. E secondo fonti leghiste il nuovo Cdm dovrebbe tenersi tra mercoledì e giovedì e comunque prima del voto europeo di domenica. 

All'ordine del giorno della riunione figuravano anche le intese sulle autonomie. Prima del rinvio il Cdm ha dato invece il via libera alle nomine di Biagio Mazzotta segretario generale della Ragioneria dello Stato, Giuseppe Zafarana alla guida della Guardia di Finanza e Pasquale Tridico all'Inps.

Inoltre è stata approvata, salvo intese sulle coperture, all'unanimità la riforma della giustizia onoraria e un nuovo provvedimento normativo per l'inclusione scolastica.

LE TENSIONI - Il premier Conte in giornata ha replicato duramente al sottosegretario delle Lega Giorgetti che lo ha 'accusato' di “non essere più super partes”. “Venga a dirlo in Cdm e in Parlamento” ha detto il premier.

Mentre Di Maio è andato all'attacco: "Sta emergendo una verità: ci avviamo a risolvere il problema migranti e la Lega va nel pallone, perché non ha più argomenti. Ormai sono un disco rotto, monotematici, parlano solo di migranti e quando non sanno che dire la sparano. Mi auguro che dopo il 26 maggio tornino normali"

Toni meno aspri da Salvini che, al forum dell'ANSA, lega la durata del governo alla flat tax. “Fiducia in Conte? Certamente, se tutti mantengono la parola si va avanti 5 anni, il problema sono i no del M5s”.