Roma, 26 aprile 2017 - Le primarie del Pd (domenica 30 aprile) si avvicinano e stasera i tre candidati alla segreteria si confronteranno in tv sui programmi. 

LA DIRETTA - L'appuntamento è fissato per le ore 21.15 e sarà trasmesso in diretta sui canali 100 e 500 di Sky e in chiaro su Sky Tg24 (canale 50 DTT) e su TV8, al tasto 8 del telecomando. Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando saranno in studio a Milano e saranno tutti seduti. Tutti sullo stesso piano del governatore della Puglia che dovrebbe presentarsi in sedia a rotelle (cosa che ha scatenato non poche polemiche) a causa dell'incidente capitatogli a inizio aprile nel Cosentino.

LE REGOLE - Il confronto avrà lo stesso format utilizzato nei precedenti appuntamenti ospitati da Sky: risposte scandite da un countdown da 1 minuto e 30 secondi al massimo; tre possibilità di replica da 30 secondi ciascuna; domande incrociate tra i candidati e dai supporter degli avversari; l'appello finale da parte di ognuno dei tre. 

IL CONDUTTORE - A condurre i giochi sarà Fabio Vitale, mentre non ci sarà il coinvolgimento degli spettatori da casa attraverso il 'Voting'. 

IL FACT CHECKING - Dopo il confronto andrà infatti in onda l'approfondimento, condotto da Federica de Sanctis, in cui la squadra di Sky Tg24 analizzerà il match televisivo attraverso il fact checking delle affermazioni e dei dati proposti dai candidati.

SORTEGGIO - Non sarà un caso l'ordine in cui i candidati si disporranno nello studio Sky. E' stato infatti eseguito un sorteggio da cui è scaturita la combinazione Renzi-Emiliano-Orlando. E sarà sempre in quest'ordine che i tre risponderanno alla prima domanda del confronto. Dal secondo quesito in poi, si andrà a scalare (quindi Emiliano-Orlando-Renzi e via dicendo).

Oltre alle domande preparate dalla redazione Sky, sono previsti tre quesiti incrociati tra i candidati. Gli abbinamenti sono stati sorteggiati: Emiliano farà una domanda a Orlando, Orlando a Renzi e l'ex premier a Emiliano. (L'ordine non si conosce ancora, dipenderà dalla scaletta dei quesiti). Come spesso accadde in format di questo, tipo, un supporter di ciascun candidato avrà la possibiltà di rivolgere una domanda a un candidato diverso da quello sostenuto. Gli abbinamenti sorteggiati sono - per un caso fortuito - gli stessi delle domande incrociate: il supporter di Emiliano porrà il quesito a Orlando, quello di Orlando a Renzi e quello dell'ex premier a Emiliano.