Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 giu 2022

Chi ha vinto le elezioni 2022: gli sconfitti sono più di uno. L'analisi ragionata

Quando si recano alle urne nove milioni di cittadini il voto non è mai banale. Nessuno può cantare davvero vittoria, tranne uno

13 giu 2022
pierfrancesco de robertis
Politica

Quando si recano alle urne nove milioni di cittadini il voto non è mai banale. E così non è stato. I verdetti giunti da referendum e primo turno delle elezioni comunali 2022 hanno parlato chiaro, e non sono stati una bellissima musica per molte orecchie. A rallegrarsi più degli altri è forse Calenda, che mette a segno qualche discreto risultato, e vede pian piano far breccia l’idea di una sorta di una forza di interposizione - una volta si sarebbe chiamato il terzo polo - in mezzo a quelli che lui definisce i "bipopulismi". Non del tutto scontenta sarà anche Giorgia Meloni, anche se per lei le preoccupazioni non mancheranno. Il centrodestra, e in particolare Lega e FI, non può cantare vittoria per il risultato nei referendum, e a ben guardare neppure per le comunali. Il referendum è stata una debacle, e l’affluenza più bassa di sempre (senza la concomitanza con le amministrative i partecipanti non sarebbero andati oltre il 15/16 per cento) su uno dei temi storici dell’alleanza è un autogol difficile da digerire. Ne esce certamente peggio Matteo Salvini che li ha promossi in prima persona, ma anche Forza Italia storicamente campione di garantismo non può rallegrarsi, e neppure in fondo in fondo Fratelli d’Italia riesce a esultare. La Meloni non è tra i promotori, certo, ha sostenuto solo tre quesiti su cinque, ha mantenuto sull'argomento un certo prudente distacco, e quindi salva meglio la faccia, ma in quanto partito a questo punto di riferimento della coalizione si prende qualche ammaccatura pure lei. Se tutti gli elettori di Fd'I fossero andati a votare, la percentuale sarebbe forse stata maggiore di quella riscontrata. Il punto è che nella vicenda referendum il centrodestra non ha ragionato da coalizione, in primis per colpa di Salvini, ma ha lasciato che ognuno facesse da sé e per sé, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?