Il post di denuncia di Francesca Businarolo (Dire)
Il post di denuncia di Francesca Businarolo (Dire)

Roma, 17 luglio 2019 - Durante i lavori sul dl sicurezza bis in commissione congiunta, Affari Costituzionali e Giustizia alla Camera, il deputato del Pd Andrea Romano avrebbe detto, riferendosi alla presidente della commissione giustizia Francesca Businarolo (M5S), che "una donna incinta non è in grado di presiedere". L'episodio ha generato un'immediata protesta non soltanto nella compagine dei pentastellati, ma anche di parlamentari di altri gruppi. Il presidente della commissione affari costituzionali Giuseppe Brescia ha definito "riprovevoli" le parole di Romano e ha invitato gli altri gruppi a stigmatizzare.

TOTALE FALSITA' - Smentisce con vigore il deputato dem: "Totale falsità", ha replicato Andrea Romano che ha rivolto un messaggio alla collega: "Gentile Onorevole Businarolo - scrive - Mi è stato riferito che questa mattina, alla ripresa dei lavori delle Commissioni congiunte Giustizia e Affari Costituzionali già interrotti con la sospensione di poco precedente, l'on. Brescia avrebbe fatto mettere a verbale mie presunte dichiarazioni rese nella Sala del Mappamondo secondo le quali io avrei sostenuto che il suo stato di gravidanza avrebbe dovuto impedirle di svolgere con equilibrio le sue funzioni di presidente di commissione La ricostruzione dell'On. Brescia è del tutto arbitraria e fondata su totale falsità, non avendo io mai affermato (né tantomeno pensato) che la sua gravidanza fosse di ostacolo alle sue funzioni di presidente".

L'INTERVENTO DI LUIGI DI MAIO - Sulla questione interviene anche il leader del M5S, Luigi di Maio: "Dal Pd un attacco sessista senza precedenti alla nostra Francesca Businarolo. Un attacco vergognoso e meschino. Ma si può dire a una donna di non essere in grado fare la presidente di una commissione parlamentare perchè 'incinta'? Ciò dimostra la bassezza politica e morale di tutto il Pd: cosa merita un partito che attacca le donne in questo modo e che difende i suoi sindaci coinvolti in inchieste drammatiche, come quella degli affidamenti dei bambini di Bibbiano? Questo rappresenta il peggio del nostro Paese, insieme a Berlusconi", tuona su Facebook il vicepremier e ministro. 

NESSUNA ALLEANZA - E sempre nella giornata odierna, sul Blog delle Stelle, si legge: "Giusto per buttarla in caciara, oggi tutti i giornali parlano di alleanza tra MoVimento 5 Stelle e Pd. Vogliamo ribadirlo, non faremo mai nessuna alleanza con il Partito di Bibbiano!". Ma visto che il criterio dei giornali è questo, perché allora non parlano di alleanza tra Orban e il Pd?", aggiungono i pentastellati riferendosi al voto a favore della neo presidente della commissione Ue Von der Leyen che ha raccolto i consensi sia del Pd che del partito di Orban. 

IL COMMENTO DI SALVINI: Interrogato dai cronisti sulla possibile alleanza il vicepremier leghista Matteo Salvini ha risposto: "Un governo Pd-M5s? Vedano gli italiani cosa pensano". Sempre a margine della visita al gattile del Verano a Roma, il ministro degli Interni è tornato anche sul tema del Russiagate:  "Faccio notare che lo stesso pm ha detto che ascoltare Salvini non ha nessuna rilevanza" ha puntualizzato il leader del Carroccio.