Ballottaggio 2021, seggi aperti (Imagoeconomica)
Ballottaggio 2021, seggi aperti (Imagoeconomica)

Roma, 18 ottobre 2021 - Affluenza defintiva in forte calo anche nei ballottaggi 2021. La tendenza è quella registrata nel primo turno. A urne chiuse, con 63 Comuni su 63 (mancano i 2 del Friuli Venezia e Giulia) pervenuti, i votanti si attestano al 43,94% contro il 52,67% fatto segnare nelle stesse amministrazioni cinque anni fa. Dunque ha votato molto meno della metà degli elettori, con un calo di circa 9 punti percentuali rispetto all'affluenza, pur bassa, di due settimane fa. Si è andati alle urne per scegliere il sindaco di 65 Comuni, tra cui 10 capoluoghi di provincia: Roma, Torino, Trieste, Varese, Savona, Latina, Benevento, Caserta, Isernia e Cosenza. Coinvolti circa 5 milioni di elettori. 

Ballottaggio, risultati in tempo reale. Da Roma a Torino: exit poll, proiezioni e spoglio

L'affluenza alle 23

La terza rilevazione sull'affluenza di ieri: alle ore 23 della prima giornata di votazioni è al 33,33% nei 63 Comuni di cui raccoglie i dati il Viminale (sono escluse le due città del Friuli Venezia Giulia, in quanto Regione a statuto speciale). Alle 19 era stata del 26,71% e alle 12 del 9,73%. Al primo turno alle 23 aveva votato il 39,86%. Dunque l'affluenza è in ulteriore calo rispetto al primo turno, due settimane fa, di oltre 6 punti percentuali.

Affluenza a Roma, Torino e negli altri capoluoghi

I dati delle 23 confrontati con il primo turno

Roma: 30,92% contro 36,96%.

Torino: 32,79% contro 36,92%.

Trieste: 31% rispetto a 34%

Varese: 37,62% rispetto a 39,43%

Caserta: 33,19% contro 48,92%

Benevento: 43,58% contro 54,46%

Savona: 36,41% contro 44,51%

Latina: 38,77% contro 47,00%

Cosenza: 32,83% contro 47,97%

Isernia: 42,38% contro 49,02%

La guida / Fac simile delle schede elettorali / Cosa serve per votare

 

Come si vota e come funziona. Le regole

Com'è andata al primo turno

Nel primo turno il Movimento 5 Stelle ha perso i tre sindaci nei Comuni capoluogo dove vinse nel 2016: Roma, Torino e Carbonia. Il centrosinistra, nelle sue diverse articolazioni, ha strappato a M5s Carbonia, con Pietro Morittu, e ha confermato i Comuni di Milano (Beppe Sala), Rimini (Jamil Sadegholvaad), Salerno (Vincenzo Napoli), Napoli (Gaetano Manfredi), Bologna (Matteo Lepore) e Ravenna (Michele De Pascale). In questi ultimi tre Comuni centrosinistra e M5s hanno corso da alleati. Il centrodestra, invece, ha finora confermato i sindaci di Pordenone (Alessandro Ciriani), Novara (Alessandro Canelli) e Grosseto (Antonfrancesco Vivarelli). (Qui tutti i risultati di 3 e 4 ottobre).