Pordenone, 25 aprile 2018 - Tornano ad alzarsi i toni tra Silvio Berlusconi e il Movimento 5 Stelle. Il Cavaliere dà nuovamente fuoco alle polveri alle Malghe di Porzus, in Friuli, durante le celebrazione del 25 aprile. "Siamo di fronte a un grave pericolo", ribadisce il leader di Forza Italia, a proposito dei grillini e di una loro eventuale ascesa al governo. "L'altro giorno stavo dando una mano a delle persone e gli ho chiesto come si sentissero di fronte a questa formazione politica, che non si può certo definire democratica - racconta ai cronisti -. Uno mi guarda negli occhi e mi dice 'credo che ci sentiamo come gli ebrei al primo apparire della figura di Hitler'".

Governo, gli orari delle consultazioni di domani. Renzi 'sondaggista' a Firenze: "Volete un governo coi 5 Stelle?"

GOVERNO - Berlusconi non ha digerito il veto grillino nei suoi confronti, durante le trattative di governo. "In questi giorni c'è stato il respingimento di 4,5 milioni di cittadini che hanno votato democraticamente e questo non può succedere in una paese libero", ha detto. "Penso di aver fatto bene a essere tornato in campo per difendere il paese di fronte a un grande pericolo che avanza", ha sentenziato il Cavaliere. In precedenza aveva usato toni più istituzionali e concilianti: "Siamo impegnati oggi a cercare una soluzione alla crisi politica, senza veti né preclusioni, rispettosa del voto espresso dagli italiani", aveva affermato. "Tutte le forze politiche - aveva aggiunto - hanno il dovere di essere responsabili, nel linguaggio e nei comportamenti: il calcolo politico non può portare a disgregare quella convivenza democratica faticosamente acquisita settant'anni fa".

SALVINI - Le frasi di Berlusconi, che come sottolineano dal suo staff non riflettono il suo pensiero, ma sono il racconto di quanto affermato da un partecipante all'incontro del 24 aprile a Pordenone, non sembrano essere gradite a Matteo Salvini. "Berlusconi paragona i 5 Stelle ai nazisti? È meglio tacere e rispettare il voto degli italiani invece di dire sciocchezze - dice il leader della Lega . Io voglio dare un governo all'Italia, sono stufo di insulti, capricci e litigi". 

Governo, Di Maio: "Discorso con Lega chiuso". Pd apre

LE MALGHE DI PORZUS - A Porzus, nel febbraio del 1945, furno uccisi 17 partigiani della  Brigata Osoppo, formazione di orientamento cattolico e laico-socialista. Tra di loro vi era anche una donna.  L'eccidio fu opera di un gruppo di partigiani – in prevalenza gappisti – appartenenti al Partito Comunista Italiano. 

Governo, da 'incarico esplorativo' a 'forni'. Il dizionario della crisi