{{IMG_SX}}Roma, 10 giugno 2008 - Pagare i contributi e ritirare le pensioni in tabaccheria, banche, farmacie, stazioni ferroviarie e dei carabinieri. Questo uno dei progetti a cui sta lavorando il Governo per snellire la Pubblica amministrazione e venire incontro alle esigenze del cittadino.

Lo ha detto il ministro per l'Innovazione e la funzione pubblica, Renato Brunetta, intervenendo alla giornata nazionale dell'innovazione.
 

 

 "Stiamo lavorando - ha spiegato Brunetta - a un progetto per creare un sistema, utilizzando tutte le reti esistenti del nostro Paese, dalle banche, alle tabaccherie, le farmacie, alle poste, alle stazioni ferroviarie e a quelle dei carabinieri come contenitori di totem accessibili a tutti i cittadini per dialogare con la Pubblica amministrazione con l'obiettivo di bypassare la pubblica amministrazione inefficiente. Si chiameranno reti amiche".


Questi reti, ha sottolineato il ministro, "consentiranno di ritirare la pensione, pagare i contributi Inps e fare altre cose.In questo modo i luoghi deputati a questi servizi, si chiederanno forse il perchè vengono bypassati e forse si metteranno in competizione accrescendo così la qualità".

 

 

RIFORME O ME NE VADO

Se non riuscirò a dare un segnale concreto di riforma della Pubblica amministrazione tra un anno sono pronto a lasciare. Così il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, intervenendo alla Giornata nazionale dell'innovazione.

"Fra un anno - ha detto Brunetta riferendosi al progetto di riforma del settore pubblico -, se saremo ancora qui, darò conto di quanto è successo e se non sarò riuscito a far nulla io per primo dichiarerò fallimento e me ne andrò. È la sanzione del mercato", ha concluso.