{{IMG_SX}}Milano, 26 aprile 2008 - Incontro positivo tra il premier in pectore Silvio Berlusconi e il leader della Lega Umberto Bossi, che avrebbe consentito di trovare l'accordo sui nomi ed incarichi per la formazione del nuovo esecutivo. Fonti interne alla Lega Nord confermano che l'incontro di oggi tra il Cavaliere e i leader leghisti Bossi, Maroni e Calderoli è andato bene e che "è stata trovata la quadra" sui nomi e gli incarichi della Lega Nord per il nuovo governo. Berlusconi, che si è trattenuto nella sede milanese della Lega per oltre due ore nel pomeriggio, ha poi a sua volta definito "assolutamente soddisfacente" l'incontro con i vertici del Carroccio.

 

Secondo fonti del Pdl e della Lega il vertice avrebbe trovato un compromesso: azzeramento dei vicepremier, con Gianni Letta che tornerebbe al suo posto di sottosegretario alla presidenza del Consiglio e Roberto Calderoli che assumerebbe la responsabilità dell'Attuazione del programma di governo e una parte delle deleghe sulle Riforme, mentre il dicastero con il compito di realizzare il federalismo resterebbe a Umberto Bossi. Al Carroccio sarebbero confermate inoltre le poltrone dell'Interno per Roberto Maroni e dell'Agricoltura per l'assessore veneto Luca Zaia.