Italia News
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA
Scopri le nostre edizioni locali

Politica

LA CORSA AL CAMPIDOGLIO

Serenetta Monti, è una donna
la candidata sindaco di Grillo

Lo ha deciso ieri notte il meet-up romano, che ha svolto le primarie tra 5 candidati. "Non so dove arriveremo Siamo un'onda anomala che si muove sotterranea... e lentamente si gonfia" Commenta

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Roma, 26 febbraio 2008 - E' Serenetta Monti la candidata a sindaco di Roma che sara' presentata dalla lista civica legata a Beppe Grillo. Lo ha deciso ieri notte il meet-up romano, che ha svolto le primarie tra 5 candidati. Monti ne e' risultata la vincitrice, e ora si candiderà al Campidoglio. Sabato e domenica prossimi i 'grilli' romani saranno cosi' nelle piazze con i propri gazebo per la raccolta delle firme necessarie (ne servono 2.000).


"Non so dove arriveremo con questa lista- spiega sul sito Serenetta Monti- so il fastidio che gia' abbiamo creato a questo sistema marcio e ne sono felice. Siamo un'onda anomala che si muove sotterranea... e lentamente si gonfia. Potremo essere uno Tsunami? O una delicata ondina? Dipende da noi e dalla forza di volonta' che metteremo in questo progetto. Le persone che si stanno impegnando per questo cammino sono tutte spettacolari. Partono tutte dallo stesso principio di base: bisogna cambiare".


Serenetta Monti ha alle spalle un passato di precariato come restauratrice, lotte sindacali autorganizzate per la stabilizzazione in aziende comunali, battaglie legali per le malattie sul lavoro, scioperi, denunce e occupazioni. Le sue soddisfazioni vengono dai bambini, "non i miei, ma quelli degli altri ai quali per anni ho insegnato Kung Fu".

Fra le sue esperienze "piu' entusiasmanti": la partecipazione al Comitato contro lo scippo del Tfr. Poi la 'scoperta' di Beppe Grillo, la carica di 'organizer' dei 'grilli' romani a giugno 2007, riconfermata a dicembre scorso. "Insieme abbiamo percorso un signor cammino- spiega Serenetta Monti- Class action, No Coke, Malagrotta, i Gas, l'open source, la proposta di legge popolare che ci ha portato al 'VDay', il 'VDay stesso' e, ora, questa avventura delle liste civiche".


"Non e' la poltrona che spinge a lavorare sulle liste civiche- mette in chiaro la candidata- Nel mio caso, paradossalmente, proprio ora ho cambiato lavoro nell'azienda in cui ho fatto la custode di museo per un anno e mezzo... e quello che faccio ora mi piace. Quindi, comunque vada, io saro' felice. Non sono ipocrita e vi dico che lavorero' per ottenere un buon consenso, e' ovvio che preferirei vincessimo le elezioni, ma sono preparata anche all'eventuale flop. Nonostante questo rischio- conclude Serenetta Monti- so che voi ci sarete lo stesso. Che i 'grilli' romani ci saranno lo stesso. Non si bruciano facilmente i sentimenti di 2.000 persone che si sono ritrovate per lo stesso motivo: cambiare. In meglio. Per il bene comune. E io ci voglio provare. Con voi".

  • 26/02/2008 19:28

    Da Grillo solo colpi e parole ad effetto. Vorrei vederlo a dover costruire qualcosa invece di limitarsi a facili fanfaronate.
  • 03/03/2008 12:06

    ai cari amici romani, così come a tutti gli italiani, ascoltate grillo, è l'ultima possibilità per alzare la testa. altrimenti, per favore, non lamentatevi più!
  • 03/03/2008 13:30

    Non bastavano i buffoni della nostra politica - ora ci si mette anche grillo a fare le liste - certo che è un gran furbacchione - ha capito che cavalcare la legittima protesta è una gran bella pubblicità per i suoi spettacoli - lui finora ha saputo solo infangare aggredire tutto e tutti, ma si guarda bene da fare una (ne basterebbe una sola) di "proposte" intelligenti - caro beppe, continua pure a fare il grilletto parlante ma lasciaci in pace con cose più drammatiche, più importanti e più grandi di te.
  • Sono presenti 3 commenti
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Elezioni: tutti i candidati premier

Tutti i premier in campo

Nelle prossime competizioni elettorali il panorama degli schieramenti è quantomai vario: oltre ai 'big' Veltroni e Berlusconi, infatti, si contano ben altri sei aspiranti: Turigliatto, Bertinotti, Casini, Mastella, Tabacci e, unica donna, Daniela Santanché