Al centro di quest’ultimo appuntamento, il divorzio tra Chris Martin e Gwyneth Palthrow. Un caso del tutto singolare, nel quale entra in gioco la teoria del “disaccoppiamento consapevole”. Una scelta, quella presa dai due ex coniugi, che sottolinea marcatamente quanto sia possibile separarsi con amore e come a volte possa essere l’unica strada per tornare ad essere nuovamente felici.  

Un divorzio sofferto da entrambe le parti, arrivato per scelta altruistica dei due ex coniugi dopo dieci anni d’amore, con l’obiettivo di poter essere i migliori genitori possibili per i loro figli, senza smettere di volersi bene. Non a caso, l’attrice americana dopo le seconde nozze, ha infatti confermato come il rapporto con l’ex marito fosse migliorato e come fosse armonica la dimensione della nuova famiglia allargata.

Ecco quindi che quest’ultimo episodio della serie podcast diventa un chiaro esempio di come la scelta di un accordo anziché di un processo in tribunale porti grandi benefici a tutti i membri del nucleo famigliare.

«La legge italiana ha messo a disposizione dei coniugi due procedure per separarsi “civilmente” senza l’intervento di un giudice: l’accordo davanti all’Ufficiale di Stato Civile e la negoziazione assistita». Afferma l’avvocato Maria Luisa Missiaggia che prosegue: «La prima consente ai coniugi, solo in assenza di figli minori o incapaci oppure maggiorenni non economicamente autosufficienti e solo in assenza di accordi di trasferimento patrimoniale, di sciogliere il vincolo matrimoniale con un semplice accordo senza l’assistenza obbligatoria di un legale, la seconda richiede l’intervento di almeno due avvocati che in primo luogo tentano la conciliazione dei coniugi e successivamente iniziano gli incontri per trovare una transazione».