Tokyo, 19 luglio 2021 - Lo spettro Covid continua ad aleggiare sulle Olimpiadi di Tokyo 2021. Gli ultimi aggiornamenti sulla situazione in Giappone contano 21 sudafricani e otto inglesi in isolamento fiduciario, un cieco e un italiano positivi. A Tokyo sale di ora in ora il numero di casi fra atleti, dirigenti e altri addetti ai lavori coinvolti nei Giochi olimpici. E purtroppo il tassametro sembra destinato a continuare a correre nelle prossime ore. Crescono quindi l'ansia e la paura nella capitale giapponese, così come i contagi: non il clima che gli organizzatori delle Olimpiadi si sarebbero augurati a quattro giorni dal via della manifestazione, già rinviata un anno fa per l'emergenza sanitaria. 

Olimpiadi Tokyo, la cerimonia d'apertura: quando e dove vederla in tv

Più squadre colpite

L'ultimo episodio di Covid, almeno in ordine di tempo, è quello del giornalista italiano, partito con test negativo, ma risultato positivo all'arrivo nel Paese del Sol Levante. Il soggetto in questione ha effettuato il viaggio salendo sullo stesso volo di alcuni atleti azzurri, che però potrebbero non essere bloccati poiché non sono entrati a stretto contatto con il contagiato. Per quanto concerne le altre Nazioni, sono stati identificati 21 casi di contatto nell'entourage dei due calciatori e del dirigente sudafricano risultati positivi il 16 e 17 luglio. Gli atleti vengono sottoposti a test PCR ogni giorno ma ieri non sono stati autorizzati ad allenarsi. Un test finale verrà effettuato sei ore prima della loro partita. Sono invece otto (due atleti e due dirigenti) i membri della nazionale britannica di atletica in isolamento per aver avuto contatti stretti con un passeggero del volo che ha portato il team da Londra in Giappone. Nessuno di loro è comunque risultato positivo. Infine, la squadra di beach volley della Repubblica Ceca deve fare i conti con un caso. 

Leggi anche

Tokyo 2020, Molinari out per infortunio