"Più veloce del più veloce", recita l’epigrafe sulla tomba di Eulace Peacock, sfortunatissimo sprinter Usa che in due occasioni, il 4 luglio del 1935 (l’anno prima delle Olimpiadi di Berlino e quello del grande exploit dei record multipli di Owens) batté proprio l’atleta che si prese tutta la scena delle Olimpiadi.

Prima Peacock, di un anno più giovane di Owens, vinse i 100 in 10“2 (non omologabile però come record del mondo perché il vento non era regolare) precedendo Jesse e Metcalfe, poi vinse pure il lungo con 8,01m, 9 centimetri in più di Owens. Ma un un grave infortunio muscolare tolse poi Peacock dai partecipanti ai Giochi di Berlino.