C’è un’immagine, ancor più della doppietta 200-400 metri di un incredibile Michael Johnson nell’atletica, che rimane impressa di Atlanta 1996. E’ quella di Muhammad Ali che da ultimo tedoforo accende il braciere olimpico nella cerimonia di apertura.

L’ex campionissimo della boxe è gravemente malato di Parkinson, a stento riesce a coordinarsi per tenere in mano la torcia e puntarla verso il braciere olimpico. Ma poi ce la fa. Una dimostrazione di tenacia e di dignità senza pari che commuove il mondo, idealmente stretto attorno al fuoriclasse del ring. E una lezione planetaria sullo spirito olimpico.