’Un giorno credi’ di Bennato. Per non smettere di provarci. Mai

Un giorno credi di essere giusto e di essere un grande uomo. In un altro ti svegli e devi cominciare...

’Un giorno credi’ di Bennato. Per non smettere di provarci. Mai
’Un giorno credi’ di Bennato. Per non smettere di provarci. Mai

Un giorno credi di essere giusto

e di essere un grande uomo.

In un altro ti svegli e devi cominciare da zero

Situazioni che stancamente

si ripetono senza tempo

Una musica per pochi amici. Come tre anni fa.

A questo punto

non devi lasciare.

Qui la lotta è più dura ma tu.

Se le prendi di santa ragione insisti di più.

Non c’è niente da fare, ’Un giorno credi’, scritta con Patrizio Trampetti e pubblicata in ’Non farti cadere le braccia’, l’album di debutto di Edoardo Bennato, continua a essere un brano taumaturgico, da cantare, anche a bocca chiusa, quando nubi all’orizzonte sembrano oscurare il cielo della vita. "Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare" – diceva John Belushi, sgombrando il campo da facili

fughe strategiche –: delusioni e amarezze non devono diventare alibi per smettere di guardare avanti e riprovarci con rinnovata fiducia.

I giovani di tutte le età devono rilanciare, trovare dentro loro stessi l’energia positiva per affermarsi. Lo rimarca una canzone senza tempo, che dal 1973 a oggi non ha perso attualità. Tanto è vero che ne esistono vari remake e che lo stesso Bennato l’ha riarrangiata più volte. L’ultima nel 2020, per archi, l’ha inserita nell’ultimo album ’Non c’è’. Come sempre. per il grande cantautore partenopeo, è stato un successo.