Napoli, ok al progetto per l'Auditorium Polifunzionale di Piscinola
Napoli, ok al progetto per l'Auditorium Polifunzionale di Piscinola

Napoli, 12 Giugno 2021 - L'annuncio è arrivato: l'Auditorium Polifunzionale di Piscinola tornerà finalmente a disposizione della cittadinanza. Arrivano dalla Città Metropolitana, infatti, 1 milione e 800mila euro, che saranno destinati alla riqualificazione degli spazi esterni e del Lotto 1. Nella riunione della commissione Giovani, presieduta da Salvatore Pace, la conferma che sono in dirittura d’arrivo le procedure per acquisire la prima tranche dei finanziamenti per restituire alla città uno degli spazi teatrali più grandi e funzionali, costruito dopo il terremoto e mai entrato in funzione a causa delle infiltrazioni dal tetto.

L’auspicio espresso dal direttore artistico dell'ex  Teatro Area Nord, oggi Teatri Associati di Napoli, Lello Serao, è che i lavori possano iniziare presto, in continuità con quelli già effettuati con propri fondi dal Teatro e che hanno riqualificato la sala più piccola e gli altri spazi gestiti.

L'inizio dei lavori

Sui tempi, l’ingegner Francesco Cuccari, del Servizio Tecnico Patrimonio, ha rassicurato la commissione consiliare: "Completata a settembre scorso la progettazione preliminare dell’intervento, che ha consentito il finanziamento da parte della Città Metropolitana, in questi giorni sarà inviato all’Ufficio Gare il contratto da stipulare per la progettazione esecutiva dei lavori che potrà essere approvata già a settembre. Si potrà, a quel punto, bandire la gara per i lavori e ricevere, come confermato dal presidente Pace, la prima tranche del finanziamento di 1 milione e 800mila euro".

Saranno 350 i posti a sedere

Il direttore artistico del TAN, Lello Serao, presente alla riunione di ieri, fa sapere lo stato attuale dei lavori: "In questi giorni si sta completando la copertura del tetto e sono ristrutturati camerini, uffici, bagni, prestando particolare attenzione al pregio degli arredi. L’Auditorium è una struttura di particolare pregio architettonico, con 350 posti a sedere: l’assenza di pilastri garantisce un’ottima visione, l’audio è buono, le gradinate hanno una pendenza dolce. Siamo fiduciosi che presto si possa cominciare a utilizzarlo, anche perché il percorso da seguire per la sua riqualificazione è già tracciato: abbiamo infatti messo a disposizione del Comune la progettazione preliminare che ci fu donata dalla Facoltà di Architettura dell’Università", ha infine concluso Serao.