Vaccinazione
Vaccinazione

Napoli, 17 giugno 2021 – Chiusi, per la giornata di domani, gli hub vaccinali in Fagianeria e al Museo Madre di Napoli. L’annuncio è del direttore generale dell’Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, il quale ha spiegato che lo stop non è dettato dal fatto che “manchino i vaccini, ma perché mancano le persone da vaccinare”.

Il dg Verdoliva ha poi sottolineato che “siamo poco oltre il 60% della popolazione vaccinata”, ma che non ci sono altre adesioni alla campagna di immunizzazione. Una frenata netta, dovuta forse dal fatto che chi effettivamente aveva intenzione di vaccinarsi lo ha fatto, mentre resta lo ‘zoccolo duro’ di chi non vuole.

Il dg Verdoliva: “Alcuni convocati fino a quattro volte”

“Avevo dieci, perfino 12mila adesioni al giorno, ora siamo a 2-300 di media, non arriviamo mai a mille – ha aggiunto il direttore dell’Azienda sanitaria –. Eppure abbiamo fatto tanti appelli perché il 60% non è una quantità che ci garantisce l'immunità di gregge in città”.

“C'è una fetta delle persone che hanno aderito che abbiamo convocato anche quattro volte e non si sono mai presentate – ha proseguito –. Siamo completamente fermi sulle prime dosi e non ci resta che continuare ad affidarci al senso responsabilità del popolo di Napoli di credere nella campagna vaccinale”.

L’Asl rassicura: hub aperti, in arrivo nuovi Open Day

Dunque, domani, a Napoli rimarranno aperti gli hub vaccinali alla Mostra d'Oltremare e all’Hangar Capodichino per i richiami del siero Pfizer, mentre alla Stazione Marittima sono stati convocati 1.200 cittadini fra i 12 e i 59 anni, frutto di adesioni degli ultimi giorni.

Di queste, 200 sono persone appartenenti alle categorie speciali che si sono iscritte ultimamente. Chiuse, come detto, le strutture alla Fagianeria di Capodimonte e al Museo Madre. L'Asl Napoli 1, comunque, garantisce che terrà i centri aperti nella speranza di nuovi arrivi e che lancerà anche nuovi Open Day vaccinali.