Carabinieri
Carabinieri

Napoli, 14 giugno 2021 – Controlli capillari sul territorio quelli che hanno visto protagonisti i carabinieri di Torre Annunziata, che nel corso delle consuete attività ad 'Alto impatto' hanno sequestrato un’area di parcheggio abusiva, denunciato tre persone e sequestrato 200 grammi di droga. In particolare le operazioni si sono concentrate tra i quartieri Murattiano e Quadrilatero delle carceri, con oltre quaranta unità impiegate in perquisizioni e verifiche su attività commerciali.

Parcheggio irregolare

Il risultato di maggior rilievo è stato il sequestro, in via Mazzini, di un'area parcheggio di 2 mila mq con disponibilità per 150 posti auto, con annessi box e tettoie abusive, nonchè attività esercitata senza alcun titolo autorizzativo e con un giro d'affari stimato in circa 150 mila euro l'anno, tra pedaggi orari e abbonamenti concessi senza alcuna attestazione fiscale. Il proprietario dell'area è stato denunciato. Stesso provvedimento, inoltre, anche per la proprietaria di una vicina abitazione privata, che aveva realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.

Abusivi e spacciatori

Verifiche anche sui chioschi di proprietà comunale vicini al cimitero, dove due persone sono state denunciate per aver occupato abusivamente le strutture ed esercitato l'attività di vendita di fiori senza alcuna autorizzazione. In totale, nel corso delle operazioni, sono state 111 le persone identificate e 83 i veicoli controllati, con tre persone trovate in possesso di modiche quantità di cocaina. 21 invece le contravvenzioni al codice della strada e due i veicoli sequestrati perché privi di assicurazione e revisione scaduta.

Eseguite infine perquisizioni in attività commerciali e abitazioni private, all'esito delle quali sono stati rinvenuti e sequestrati due giubbotti antiproiettile di provenienza clandestina e 350 grammi di sostanza utilizzata per il taglio di stupefacente. Rimossi anche alcuni cancelli in metallo, abusivamente installati nei pianerottoli di un palazzo, già interessato da precedenti perquisizioni e sequestri.