Il 61enne Maurizio Cerrato era stato ucciso al culmine di una lite per un parcheggio
Il 61enne Maurizio Cerrato era stato ucciso al culmine di una lite per un parcheggio

Napoli, 5 maggio 2021 – La polizia municipale di Torre Annunziata, nel Napoletano, ha rimosso alcune fioriere e dei paletti di ferro sistemati abusivamente lungo alcune arterie del centro cittadino come via Prota, corso Umberto I, via Fusco, via Bucca e via Pagano.

La stretta, annunciata nei giorni scorsi dal Comune, contro l’occupazione abusiva del suolo pubblico arriva dopo i tragici fatti che hanno riguardato la cittadina campana, teatro dell’omicidio del 61enne Maurizio Cerrato, assassinato con una coltellata al torace da quattro persone – ora agli arresti – per aver difeso la figlia in un diverbio.

Il blitz della municipale

Alla giovane, infatti, era stata squarciata una gomma dell’auto, che lei aveva parcheggiato in un posto lungo la pubblica dopo aver spostato una sedia lasciata lì proprio per “occupare” il posteggio. Dopo l’omicidio il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, aveva quindi firmato un’ordinanza per la “rimozione dal suolo pubblico di tutte le occupazioni effettuate dai cittadini non autorizzate dagli uffici comunali competenti”.

Ordinanza che, oggi, ha dato il via all’operazione degli agenti del comandante Antonio Virno che ha portato a sanzionare due attività commerciali per occupazione abusiva di sede stradale oltre che alla rimozione degli ornamenti, tra cui fioriere e paletti metallici, piazzati abusivamente sul suolo pubblico.