Mercoledì 24 Luglio 2024

Terremoto magnitudo 2.2 alle 4 di notte ai Campi Flegrei: cosa sono

L'Osservatorio Vesuviano ha rilevato la scossa a 3,1 km di profondità in via Campania, nei pressi dello svincolo della tangenziale. Al momento non risultano danni

Mappa dei Campi flegrei dell'Osservatorio Vesuviano

Mappa dei Campi flegrei dell'Osservatorio Vesuviano

Napoli, 9 marzo 2023 - Un terremoto di magnitudo 2.2 è stato registrato nei Campi Flegrei alle ore 4.02 di questa notte. L'epicentro è stato localizzato dall'Osservatorio Vesuviano, sede napoletana dell'Ingv, nei pressi dello svincolo della Tangenziale di via Campana alla profondità di 3.1 km. Il sindaco di Pozzuoli, Gigi Manzoni, fa sapere che "sono in corso le verifiche sul territorio da parte della Polizia municipale e dei volontari della Protezione civile". Al momento non si registrano danni a persone o cose. 

Alfabetizzazione sismica: la Terra ci parla. Dall'Osservatorio Vesuviano del 1841 ai droni

Campi flegrei: cosa sono

I Campi Flegrei, come spiega l'Osservatorio Vesuviano, sono un'area vulcanica attiva situata ad ovest di Napoli, estesa nei comuni di Bacoli, Monte di Procida, Pozzuoli, Quarto, Giugliano e in parte della città di Napoli, nella Regione Campania.  Il nome Campi Flegrei, che deriva adal greco e significa "campi ardenti", denota la natura vulcanica dell'area e la presenza di numerose fumarole e acque termali, ben note e sfruttate nell’antichità.  A differenza del Vesuvio, vulcano attivo dalla classifica forma montuosa, i Campi Flegrei non sono caratterizzati da un unico corpo vulcanico, ma sono invece appunto caratterizzati da un 'campo vulcanico' attivo da più di 80.000 anni, con diversi centri vulcanici situati all'interno e in prossimità di un'area depressa chiamata caldera. 

Un forte terremoto ha interresato oggi anche Perugia, paura per la forte scossa: “Mai sentita così forte”. Il sisma è stato di magnitudo tra 4.3 e 4.8.