Una pistola sequestrata dai carabinieri di Napoli
Una pistola sequestrata dai carabinieri di Napoli

Napoli, 17 luglio 2021 – Spari nella “zona bene'” di Napoli, sei i bossoli ritrovati in via del parco Grifeo dai carabinieri intervenuti sul posto. Alle sette di questa mattina, i carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia Napoli Centro, allertati dal 112 su segnalazione di un cittadino, sono intervenuti nel quartiere di Chiaia. dove erano stati esplosi i colpi d'arma da fuoco.

I militari dell'Arma hanno rivenuto e sequestrato i sei bossoli, pare sparati a salve per strada da una pistola calibro 9. Le indagini dei militari hanno permesso di individuare il responsabile della sparatoria, un 60enne del posto incensurato e con problemi psichici, fermato dai militari mentre usciva di casa per passeggiava, trasportando un carrellino della spesa. Al suo interno, c'era ancora la pistola a salve, replica di una Beretta 92, priva di tappo rosso così da renderla del tutto identica ad un'arma vera e con 10 colpi nel caricatore

Perquisita l'abitazione, sono stati sequestrati altri 81 proiettili a salve dello stesso calibro. L'uomo ha ammesso le sue colpe ed è stato denunciato per porto ingiustificato di armi. Sono in corso le indagini per verificare se l'uomo sia responsabile di fatti analoghi avvenuti alcuni giorni fa.

Una vicenda preoccupante che ricorda da vicino la sparatoria avvenuta il mese scorso ad Ardea, vicino a Roma, dove un uomo con problemi psichiatrici ha fatto una strage: ha sparato dei colpi per strada, uccidendo due fratellini di 5 e 10 anni, Davide e Daniel Fusinato, insieme al pensionato Salvatore Ranieri, di 75 anni, che passava in bicicletta durante la furia omicida del 34enne Andrea Pignani. Il ragazzo, dopo aver sparato, si è barricato in casa e si tolto la vita.