Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Sorrento, 28 aprile 2021 – Il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, nella serata di oggi ha annunciato che "per sopraggiunti impegni improrogabili" è stata rinviata a data da destinarsi la visita in città del ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, che il Comune aveva annunciato per venerdì 30 aprile alle 16.30 in Sala consiliare.

La visita, che prevedeva anche l'incontro con il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e vari rappresentanti del settore turistico, costituisce la tappa conclusiva degli Stati Generali del Turismo la cui apertura si è tenuta lo scorso 2 marzo e che ora dovrebbero terminare entro il mese di maggio.

I problemi da affrontare

Gli Stati Generali del Turismo sono stati organizzati dall'Amministrazione comunale. La possibile presenza del ministro a Sorrento è vista dai sindacati dei lavoratori del comparto turistico come un'occasione per discutere sui problemi che stanno attanagliando il settore. "Stiamo dialogando con la segreteria di Garavaglia per ottenere un incontro con lui e con alcuni rappresentanti del sindacato della filiera del turismo", ha commentato Rosario Fiorentino della Flaica Cub.

Procida, il sindaco annuncia: “Saremo prima isola Covid free d’Italia” - Napoli in zona gialla, aumentano i collegamenti per Ischia e Procida - Napoli torna città d’arte: il calendario della riapertura dei musei

Le proteste

L'incontro Garavaglia-De Luca non si farà il 30 aprile, ma non è previsto alcun rinvio della manifestazione in programma il 1° maggio alle 10 in piazza Bartolo Longo a Pompei, dove i lavoratori del settore si raduneranno per denunciare la situazione di stallo lavorativo e per chiedere la vaccinazione di tutti gli operatori per accogliere in sicurezza e per dare sicurezza. Saranno presenti chef stellati, camerieri, lavoratori alberghieri, autisti di pullman, autisti di Ncc, guide turistiche, fotografi di matrimoni e arriveranno da Amalfi, Capri, Ischia, Sorrento e Pompei. L'arcivescovo della città Mariana, Tommaso Caputo, ha assicurato il suo sostegno ai lavoratori e la sua vicinanza, assieme a tutta la Chiesa di Pompei.