1 mag 2022

Rapine seriali a Napoli, fermati due uomini: incastrati da un'arma giocattolo

Due napoletani di 44 e 46 anni sono stati rintracciati al Vomero, sospettati di aver messo a segno tre colpi in due supermercati e una farmacia

featured image
Una pattuglia della Polizia di Stato

Napoli, 1 maggio 2022 – Rapine seriali a Napoli, fermati due uomini sospettati di aver messo a segno tre colpi a raffica nel giro di pochi giorni. Si tratta di due napoletani di 44 e 46 anni, con precedenti di polizia, fermati al Vomero per due rapine e una terza tentata, ma non riuscita. I due uomini hanno agito a volto coperto da un casco ma, dalla descrizione delle vittime, gli agenti sono arrivati sulle loro tracce.

Ecco i fatti

La prima rapina è stata messa a segno martedì scorso in via De Ruggiero, a Napoli. Un uomo con volto coperto da un casco e armato di pistola è entrato in un negozio di alimentari e ha minacciato il cassiere, facendosi consegnare 520 euro, per poi fuggire a bordo di un motoveicolo guidato da un complice. Inoltre, venerdì mattina due persone, con le stesse modalità, hanno prima tentato una rapina in una farmacia in via Cintia e, poco dopo, compiuto una rapina ai danni di un supermercato in via Alessandro Longo, facendosi consegnare circa mille euro.

Approfondisci:

Contrabbando di sigarette, sequestrata una tonnellata di "bionde" nel Napoletano

Le indagini

Nello stesso pomeriggio i falchi della squadra mobile e gli agenti dei Commissariati San Paolo e Vomero, grazie alle descrizioni fornite dalle vittime e alla visione delle immagini dei sistemi di
videosorveglianza
cittadina e degli esercizi commerciali, hanno individuato i due presunti rapinatori.

In particolare, gli operatori hanno rintracciato il proprietario della moto mentre passeggiava in via Epomeo e, nel suo appartamento, hanno rinvenuto una pistola a salve, nonché i capi di abbigliamento corrispondenti a quelli utilizzati per commettere le rapine. Hanno inoltre trovato lo scooter utilizzato. Il complice, invece, è stato trovato nei pressi della sua abitazione e, anche in questo caso, nel suo appartamento sono stati trovati abiti corrispondenti a quelli utilizzati per commettere i reati.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?