21 gen 2022

Napoli, prestiti usurai a famiglie in crisi: arrestata madre e tre figlie

Somme elargite dietro il pagamento di tassi di interesse oscillanti tra il 20 ed il 75%. Un giro che movimentava decine di migliaia di euro

Usura ed estorsione, in arresto madre e tre figlie
Usura ed estorsione, in arresto madre e tre figlie

Napoli, 21 gennaio 2022 – Prestiti concessi a tassi usurai a persone indigenti, con debiti, famiglie che non riuscivano ad arrivare a fine mese. Dietro all’associazione a delinquere quattro donne: mamma e tre figlie. A sgominare l’attività criminale a 'conduzione familiare' finalizzata all'usura e alle estorsioni i carabinieri di Torre del Greco (Napoli), al termine di indagini coordinate dalla Procura di Napoli ed eseguite dai militari di Portici.

Tra le vittime delle donne c'era chi si rivolgeva per pagare il fitto di casa ma anche per saldare debiti di gioco o per acquistare il computer al figlio. A mamma e figlie chiedevano soldi pure persone in particolare stato di indigenza, anche solo per fare la spesa di beni alimentari.

Approfondisci:

Napoli, camorra: vent’anni di estorsioni e tassi usurai, vittima un imprenditore

Determinante per l'attività investigativa, dei carabinieri di Portici, sono state le intercettazioni ambientali grazie alle quali sono venute alla luce una quindicina di episodi, tutti contestati alle indagate.

L'indagine è nata dalla denuncia di un cittadino e ha scoperto "l’esistenza in città di una fitta rete di prestiti usurari". Somme di denaro tra i 200 ed i 1000 euro circa, che le vittime richiedevano in alcuni casi per far fronte a gravi difficoltà economiche connesse ad esigenze familiari primarie. Ma i prestiti sarebbero stati elargiti verso pagamento di tassi di interesse oscillanti tra il 20 ed il 75%.

Le vittime sarebbero state poi sottoposte a continue pressioni finalizzate a spingerle a restituire i debiti contratti con tassi usurai, con minacce via cellulare accompagnate da pedinamenti per intimidirle. Un giro che movimentava decine di migliaia di euro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?