Napoli, De Magistris sul Primo maggio: "Inevitabile gente per strada"
Napoli, De Magistris sul Primo maggio: "Inevitabile gente per strada"

Napoli, 30 Aprile 2021 - Primo weekend dal rientro in zona gialla a Napoli e la tensione è già alle stelle. Il fine settimana combacia con il Primo maggio e questo sarà un vero e proprio test sia per l'onda dei contagi che per il turismo, la ristorazione, i cinema, i musei e tutte le attività riaperte (con le dovute limitazioni) in gran parte dell'Italia, da appena una settimana. Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, teme che la Festa dei lavoratori possa convincere ancora più gente a scendere per strada, approfittando anche della temperatura favorevole. Infatti in questi giorni sono state segnalate folle tra via Toledo e piazza Dante.

Bar e ristoranti aperti

Nonostante migliaia di napoletani abbiano invaso le strade già da lunedì, data che ha dato inizio di fatto alla zona gialla in tutta la Campania, il sindaco di Napoli, intercettato dai microfoni di Canale 21, crede che il Primo maggio possa maggiormente incoraggiare le persone a fare una passeggiata: "Sarà inevitabile vedere tanta gente per strada". Infatti bar, ristoranti e locali saranno aperti con il servizio ai tavoli all’esterno, e nelle zone nevralgiche della città, così come prevede il decreto, ma in particolare sul lungomare, si sospettano code e assembramenti. 

De Magistris: “Noi quello che potevamo fare lo abbiamo fatto”

In vista del fine settimana, De Magistris ha ribadito la sua piena collaborazione con il governo, rassicurando che le istituzioni comunali faranno tutto il possibile per tenere sotto controllo gli assembramenti: "Noi quello che potevamo fare lo abbiamo fatto: c'è un'ordinanza in vigore che può agevolare le forze dell'ordine a effettuare i controlli e il ministro ha assicurato il massimo impegno".

Ma De Magistris teme ancor di più la stagione estiva, ormai alle porte: "Più andremo avanti con la stagione calda e con le aperture e più si vedranno centinaia di migliaia di persone per strada".