Sabato 18 Maggio 2024

Napoli, bambino di 8 anni ha un malore a scuola durante la ginnastica: muore in ospedale

Il piccolo Giovanni si è accasciato durante la lezione a Sant'Antonio Abate: è deceduto al pronto soccorso di Castellamare. I compagni in lacrime all'uscita da scuola. Il cordoglio della sindaca Ilaria Abagnale

Una lezione di ginnastica per i piccoli a scuola (immagine di repertorio)

Una lezione di ginnastica per i piccoli a scuola (immagine di repertorio)

Napoli, 27 marzo 2023 - Tragedia a scuola nel Napoletano. Un bambino accusa un malore durante una lezione di educazione fisica: muore in ospedale. Un bambino di 8 anni, che frequentava la terza elementare, è morto dopo aver accusato un malore durante una lezione di educazione fisica presso la scuola del circolo didattico Antonio de Curtis di Sant'Antonio Abate, in provincia di Napoli. Sembra che il giovane studente abbia perso i sensi, accasciandosi al suolo. Il bambino è stato portato in ambulanza all'ospedale di Castellammare di Stabia, dove è deceduto. Ancora da accertare le cause del malore che ha colto il bambino durante la ginnastica. Il fatto è accaduto nel primo pomeriggio. Indagano sull'accaduto i Carabinieri della compagnia di Castellammare.

Approfondisci:

Napoli, bimbo di 8 anni morto dopo un malore a scuola: cinque indagati

Napoli, bimbo di 8 anni morto dopo un malore a scuola: cinque indagati

La vana corsa in ospedale

Durante la corsa in ospedale il piccolo è stato continuamente sottoposto alle manovre rianimatorie dei medici dell'ambulanza medicalizzata inviata dall'ospedale di Castellammare di Stabia alla De Curtis appena giunta la richiesta di soccorso. Giovanni, però, non ce l'ha fatta, nonostante il defibrillatore, nonostante oltre un'ora di massaggio cardiaco. L'ipotesi del decesso formulata dai medici è al momento di arresto cardiaco per una anomalia elettrica dovuta a una malformazione mai diagnosticata, ma sarà l'autopsia a offrire certezze sull'accaduto. Il bambino era alle prese con attività motorie previste dal Progetto sport di classe del Coni, portato avanti dall'istituto De Curtis di Sant'Antonio Abate. Non una vera e propria ginnastica, ma piccole attività sportive intervallate da domande e risposte dei bimbi, per abbinare il moto alla socializzazione.

Giovanni giocava a calcio

Giovanni era un bambino sano che frequentava anche una scuola calcio locale, quattro volte a settimana. "Siamo tutti sgomenti e vicini affettivamente alla mamma del piccolo Giovanni. Le daremo la massima vicinanza, anche come Amministrazione cittadina - afferma la sindaca Ilaria Abagnale - anche se una tragedia di queste dimensioni non trova preparato nessuno di noi. Quattro mesi fa festeggiavamo il compleanno di Giovanni, una festa alla quale hanno partecipato tutti i bimbi, compreso mio figlio. Proclameremo il lutto cittadino e per tutti gli altri bimbi assicureremo uno psicologo in classe. Non riusciamo nemmeno a trovare le parole per comunicare ai nostri figli quello che è successo".

La sindaca di Sant'Antonio: "Immenso dolore"

La sindaca di Sant'Antonio Abate, Ilaria Abagnale, ha postato sui social un lungo post per comunciare alla cittadinanza della improvvisa e tragica scomparsa del piccolo Giovanni, es esperimere il proprio cordoglio a nome della città: "Ci siamo uniti nella preghiera, ma purtroppo non è bastato. È con immenso dolore e sgomento che oggi mi rivolgo a voi per esprimere il mio più profondo cordoglio per la tragica scomparsa del piccolo Giovanni, un bambino di soli 8 anni, che ha perso la vita per un arresto cardiaco mentre partecipava innocentemente ad una lezione di scuola. Soccorso dopo il malore, è stato portato in ospedale, dove abbiamo atteso in apprensione con i genitori notizie di speranze dai medici. Notizia che poi non è arrivata, lasciando la sua famiglia, i suoi compagni, le insegnanti e noi tutti ad affrontare la più dura delle sofferenze"

"Come un fulmine a ciel sereno"

"Come Sindaco e rappresentante di questa comunità, mi sento profondamente addolorata per la perdita di un’altra giovane vita. Apprendere della scomparsa di un bambino del nostro paese colpisce ognuno di noi come un fulmine a ciel sereno, lasciandoci sgomenti e con un grande senso di impotenza - prosegue il post scritto dalla sindaca -. Conoscevo Giovanni, un bambino solare e pieno di vita, frequentava la stessa classe di mio figlio. Non ci sono parole giuste che possano esprimere la devastante tristezza che avvolge tutti in questo momento, nella difficoltà di dover comprendere una perdita inaccettabile e prematura. Non dovrebbe mai accadere che ad un bambino così piccolo si spengano i sogni ed il sorriso!".

La sindaca di Sant'Antonio Abate, Ilaria Abagnale
La sindaca di Sant'Antonio Abate, Ilaria Abagnale

Lutto cittadino per i funerali

"In questo momento di immensa tristezza, desidero offrire il mio abbraccio e il mio sostegno alla famiglia di Giovanni, ai suoi piccoli amici di scuola e a tutti coloro che hanno avuto la gioia di conoscerlo. Ringrazio, inoltre, tutti coloro che hanno lavorato senza sosta per cercare di aiutare il suo cuore a battere di nuovo. In occasione dei funerali, è mia volontà proclamare lutto cittadino, invitando la comunità a rispettare la privacy e il dolore dei familiari in questo momento così difficile" - conclude la sindaca Ilaria Abagnale.

"Ciao Giovannino"

"Un dolore immenso, all’uscita di scuola i bambini addolorati che piangevano, Rip Giovannino". É uno dei tanti post che si stanno diffondendo sui social alla notizia della morte premtura del piccolo Giovanni. Tutta la comunità si stringe attorno al dolore della famiglia del bambino, provata da questa tragedia, con parole di affetto, dolore e condoglianza. "Sono cose che non dovrebbero mai succedere che la terra ti sia lieve angelo del paradiso e dai tanta ma tanta forza ai tuoi genitori" è una delle espressioni di cordoglio pubblicate.

Roma, neonato morto dopo la circoncisione: due donne fermate, indagata anche la mamma Bimbo caduto dal balcone a Roma, la mamma: "Tutto in pochi secondi" Camila muore dopo il parto, mamma Giulia: torno a casa con ventre vuoto, cicatrice e bara