Napoli, arrestati 18enni coinvolti nella "spedizione punitiva" di Gragnano
Napoli, arrestati 18enni coinvolti nella "spedizione punitiva" di Gragnano

Napoli, 22 Maggio 2021 - L'accusa è grave: tentato omicidio aggravato in concorso con soggetti minorenni. I carabinieri hanno arrestato i due 18enni, entrambi incensurati, che insieme ad almeno altri quattro giovani, tutti minorenni, avrebbero partecipato alla "spedizione punitiva" a Gragnano, in provincia di Napoli, picchiando e accoltellando lo scorso 3 maggio I.G., il 15enne salvatosi per miracolo.

L'arresto

L'attività d'indagine ha consentito di accertare il coinvolgimento dei due arrestati nell'accoltellamento del 15enne, il cui esecutore materiale, un ragazzo minorenne, è già stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto. 

In particolare le indagini hanno interessato le dichiarazioni acquisite dalla vittima e dalle altre persone informate sui fatti e l'analisi dei filmati dei sistemi di videosorveglianza pubblica e privata, che hanno consentito di accertare che uno dei destinatari della misura cautelare, avendo avuto la peggio in un precedente litigio con la vittima di un suo amico, aveva organizzato una vera e propria spedizione punitiva culminata nell'accoltellamento di quest'ultima.

I due giovani, residenti a Gragnano, in provincia di Napoli, sono stati arrestati stamani dai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura ed ora sono stati trasportati al carcere di Poggioreale.