Antonio Condurro decano dei pizzaioli napoletani
Antonio Condurro decano dei pizzaioli napoletani

Napoli, 27 dicembre 2021 - È morto la scorsa notte Antonio Condurro, decano dei pizzaioli napoletani, ultimo dei 13 figli di Michele, fondatore dell'omonima pizzeria di Forcella, nel cuore del centro storico di Napoli. 
Nato nel 1932, avrebbe compiuto 90 anni a febbraio. A dare l'annuncio i suoi familiari con un post sulla pagina Facebook della storica pizzeria. 
Il suo locale era stato scelto nel 2009 come set per una scena del celebre film 'Mangia, prega, ama', in cui la stella del cinema Julia Roberts gustava una pizza.
Pretty woman anche in grigio. Julia Roberts: "Addio alla tintura"


Nel 2009 la ribalta internazionale con Julia Roberts

Julia Roberts torna in Wonder

Condurro aveva 89 anni ed era l'ultimo dei figli di Michele Condurro, che aprì la pizzeria nel 1906. I funerali si sono svolti oggi alle ore 13 nella chiesa di Santa Maria Egiziaca nel quartiere Forcella. La pizzeria 'Da Michele' è famosa per il suo forte legame con la tradizione napoletana - si servono solo pizze Margherita e Marinara - ed è salita alla ribalta internazionale grazie alla scena girata da Julia Roberts all'interno del locale.  
La sede storica della pizzeria in via Cesare Sersale nel centro storico di Napoli, meta di centinaia di napoletani e turisti ogni giorno, oggi resterà chiusa "per rispetto verso un uomo d'altri tempi che è la storia della nostra pizzeria - si legge sulla pagina Facebook del locale - perché senza la storia non c'è presente né futuro e l'omaggio, reale e sentito, verso chi ha contribuito a costruire bellezza è doveroso. Don Antonio resterà sempre tra le mura della sua amata pizzeria, dove ha donato felicità a tantissimi, grazie a un mestiere nobile perché fatto con le mani e la devozione al lavoro". 

L'omaggio del presidente della Camera: "Maestro pizzaiolo"

"Napoli dice addio ad Antonio Condurro, maestro pizzaiolo, testimone di un'antica tradizione d'eccellenza. Ai suoi cari la mia più sincera vicinanza" ha scritto su Twitter il presidente della Camera, Roberto Fico.