2 mag 2022

Napoli, incendio campo rom: 50 persone in centro accoglienza, altre 80 da collocare

Le fiamme ieri hanno distrutto le baracche nell'ex mercato ortofrutticolo di Gianturco

Incendio al campo rom di via Granturco a Napoli
Incendio al campo rom di via Granturco a Napoli

Napoli , 2 maggio 2022 - Sono 50 le persone che sono state sistemate nell'ex scuola Grazia Deledda a seguito dell'incendio divampato ieri pomeriggio 1 maggio e che ha devastato il campo rom nell'ex mercato ortofrutticolo di Gianturco, zona est di Napoli. Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha seguito la vicenda interfacciandosi fino a tarda sera con le autorità competenti, a partire dalla Prefettura. Sul posto si è recato l'assessore alla Sicurezza Antonio De Iesu per monitorare la situazione e verificare le immediate necessità. Insieme agli uffici competenti sono stati assunti gli atti utili a fornire assistenza materiale. Le prime 50 persone sono state sistemate nel centro comunale di accoglienza dell'ex scuola Grazia Deledda, nel quartiere Soccavo.  

"Si tratta - ha spiegato l'assessore al Welfare Luca Trapanese - di una prima risposta di emergenza per i soggetti più fragili, nuclei familiari con anziani, minori e pazienti oncologici ai  quali abbiamo offerto posti letto e pasti. Altre 80 persone sono invece ancora da collocare, in queste ore stanno entrando nei luoghi dell'incendio per cercare di recuperare le loro cose che si sono salvate dalle fiamme. Oggi pomeriggio 2 maggio ci sarà una nuova riunione operativa col Servizio Welfare, con la Protezione civile, con l'Assessorato alla Sicurezza, l'Assessorato all'Urbanistica e con i Gesuiti per valutare come collocare in maniera dignitosa le altre persone".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?