Green pass online, inchiesta del Garante privacy
Green pass online, inchiesta del Garante privacy

Roma, 21 novembre 2021 – Lavorava con il green pass intestato a un’altra persona, un cameriere smascherato dai carabinieri durante un controllo in un locale. È successo ieri sera nel Comune di Portici, finito nel mirino delle forze dell’ordine nell'ambito di un servizio straordinario sui green pass.

Vigili e carabinieri hanno passato al setaccio ristoranti e pub della città, chiedendo l'esibizione della carta verde a 130 persone, tra clienti, gestori e dipendenti. Quattro le persone trovate all’interno di un locale senza la certificazione obbligatoria: tre clienti e un cameriere. Per loro e per i gestori che non hanno verificato l'applicazione della normativa, è stata assegnata una multa.

Green pass finiti sul web e scaricabili, scattano le inchieste - Zona gialla, colori regioni, Green pass, obbligo vaccino: scenari e ipotesi sulla stretta

Un dipendente di un ristorante, invece, ha mostrato un greenpass con generalità di un'altra persona. Quando gli è stato chiesto il documento, l’uomo ha svicolato dicendo di non averlo con sé e ha poi fornito false generalità, sperando di farla franca. I carabinieri hanno compreso il trucco e denunciato l'uomo. L'ipotesi è che il certificato appartenesse a un amico. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni.