Nella foto un gabbiano reale
Nella foto un gabbiano reale

Capri (Napoli), 8 agosto 2021 - Uccide con un sasso un gabbiano perché gli aveva rubato un panino e sulla spiaggia di Capri si scatena la rissa. Ad avere la peggio, un lavoratore del posto che è intervenuto per cercare di sedare gli animi. É successo tutto venerdì, su una spiaggia libera di Marina Grande.  Davanti all’uccisione del gabbiano tre turisti spagnoli sono intervenuti protestando per il gesto e ne è nata una rissa nella quale un dipendente della funicolare intervenuto per calmare gli animi è stato ferito alle gambe con un manico di ombrellone.

Immediata la richiesta di potenziamento dei controlli e di un presidio di sicurezza sulla spiaggia di Marina Grande da parte dell'Unione Nazionale Consumatori (Unc) di Capri, con nota trasmessa a mezzo pec, a firma del delegato Teodorico Boniello, alla Prefettura di Napoli, alla Polizia Municipale di Capri ed alla Capitaneria di Porto. Nella nota, Unc racconta del "gravissimo episodio di violenza di venerdì”, quando, "dinanzi a donne e bambini, due gruppetti di bagnanti se ne sono date di santa ragione, per futili motivi, senza che nessuno riuscisse a fermare gli atti di violenza. Addirittura, per come raccontato da alcuni nostri iscritti, presenti in loco, si è scatenata una forte lite con tanto di ombrelloni usati a mo' di bastoni, durata per una decina di minuti", prosegue l'associazione, che per questo chiede, "soprattutto in vista dell'incremento dell'indotto turistico di Ferragosto", che sia garantita la sicurezza dei bagnanti e monitorata l'applicazione della normativa anticovid, "mediante continui controlli e l'installazione di un presidio fisso di sicurezza".