16 feb 2022

False vaccinazioni nel Napoletano: restano in carcere infermiere e operatore sanitario

Intascavano 150 euro a cliente. Rigettate le istanze presentate dai legali, ora contestata anche l’epidemia colposa

Vaccinazioni anti Covid (immagini di repertorio)
Vaccinazioni anti Covid (immagini di repertorio)

Napoil, 16 febbraio 2022 - Il Tribunale del Riesame di Napoli (12esima sezione) ha rigettato le istanze di attenuazione della misura cautelare del carcere presentate dai legali dell'operatore socio sanitario Rosario Cirillo (difeso dall'avvocato Daniele Pasquariello) e dell'infermiere Giuliano Di Girolamo, arrestati dai carabinieri del Nas nell'ambito delle indagini sulle cosiddette false vaccinazioni nell'hub vaccinale della “Fagianeria” del Museo di Capodimonte. Sulla decisione hanno pesato le dichiarazioni non combacianti rilasciate dai due indagati durante gli interrogatori che, verosimilmente, hanno fatto ritenere ancora sussistente il pericolo di inquinamento delle prove.

Alla lunga lista di reati che la Procura di Napoli contesta ai due indagati che, quindi, restano in carcere, si aggiunge ora anche quello di epidemia colposa.

Approfondisci:

Covid in Campania, il bollettino oggi 16 febbraio: 5.813 positivi, calo dei ricoveri

Cirillo e Di Girolamo, due dipendenti dell'Asl Napoli 1, incastrati tra l'altro dalle immagini registrate dagli investigatori nell'hub, sono finiti in carcere lo scorso 26 gennaio con le accuse di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, peculato e falso in atto pubblico.

A questi reati adesso si aggiunge anche quello di epidemia colposa. Secondo quanto emerso dalle indagini, l'operatore socio sanitario procurava i pazienti, una trentina quelli individuati finora, che pagavano 150 euro mentre l'infermiere iniettava il vaccino nell'ovatta.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?