Domenica 14 Luglio 2024

Donna morta dopo aver mangiato la pizza: indagati i titolari del locale e il medico che l’ha visitata. Ecco perché

Sabato verrò effettuata l’autopsia sul corpo di Gerardina Corsato, deceduta sabato nell’Avellinese. La procura sospetta che nell’olio piccante ci fossero tracce di botulino. Il marito Angelo Meninno è ricoverato a Napoli

Gerardina Corsato e il marito Angelo Meninno

Gerardina Corsato e il marito Angelo Meninno

Avellino, 2 novembre 2023 – Tre persone indagate per la morte di Gerardina Corsato, la 46enne deceduta in ospedale per sospetta intossicazione alimentare da botulino dopo avere mangiato una pizza. È successo nell’Avellinese e ora la procura vuole vederci chiaro: per questo ha inserito tre nomi nel registro degli indagati. Si tratta del medico dell’ospedale che ha visitato la donna e il marito Angelo Meninno – un imprenditore agricolo di 52 anni che è ancora ricoverato a Napoli in gravi condizioni – e i due titolari della pizzeria di Ariano Irpino dove la coppia ha cenato sabato sera. Ecco cosa è successo e come stanno andando le indagini.

Tre  indagati: ecco chi sono 

Si tratta dei due coniugi titolari della pizzeria dove la donna ha cenato sabato sera insieme al marito, il 52enne Angelo Meninno che è ancora in ospedale per la stessa l’intossicazione. Il sospetto è che il botulino fosse nell’olio piccante: ma a confermarlo saranno le analisi.

Riflettori accesi anche per un medico dell'ospedale Frangipane di Ariano Irpino, che domenica e lunedì scorsi aveva visitato la coppia per poi dimetterla. Gerardina e il marito Angelo, infatti, erano stati già visitati due volte nella struttura sanitaria per i forti dolori allo stomaco e per due volte erano stati rimandati a casa.

L’indagine: prelevati campioni di olio dalla pizzeria

Nella pizzeria, posta sotto sequestro, gli agenti del commissariato hanno prelevato campioni di olio di peperoncino, pomodori e funghi conservati sott’olio. Intanto il dipartimento di prevenzione della Asl di Avellino ha effettuato indagini epidemiologiche nella casa della coppia e verifiche ispettive all'interno della pizzeria.

L'iscrizione nel registro degli indagati dei titolari della polizia e del medico dell’ospedale è al momento un atto dovuto, deciso dalla pm della procura di Benevento, Marilia Capitanio, che coordina le indagini. La pm ha disposto l’autopsia sul corpo della donna per chiarire la dinamica di quanto avvenuto e confermare il sospetto del botulino.

Sabato l’autopsia

Sarà il medico legale Carmen Sementa a effettuare l’esame sulla salma, con il supporto della consulenza di Alessandro Santurro, docente all'università di Salerno, e di Sebastiano Leone, primario di malattie infettive dell'Azienda ospedaliera ‘San Giuseppe Moscati’ di Avellino.

L'autopsia dovrebbe svolgersi sabato alla presenza dei consulenti di parte, sia per i familiari della vittima che dagli indagati.

Come sta il marito

Il marito della donna deceduta, il 52enne Angelo Meninno, è ricoverato da martedì all'ospedale Cotugno di Napoli per sospetta intossicazione alimentare. L’uomo sembra rispondere bene alle cure, anche se le sue condizioni rimangono gravi. Campioni biologici dell'uomo saranno analizzati dai laboratori dell'Istituto Superiore di Sanità per accertare le cause dell’intossicazione. 

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui