Bullismo
Bullismo

Napoli, 13 novembre 2021 – Bullizzano un coetaneo disabile tra sfottò e minacce, obbligandolo a correre dietro a uno scooter e costringendolo a entrare in un cassonetto dell’immondizia. Il tutto filmato da un complice del branco, il video postato sui social sta diventando virale, segno che alla violenza non c’è mai fine. È successo nelle ultime ore a Scampia, dove un gruppo di ragazzi ha preso di mira un giovane con problemi di disabilità mentaleVideo bullismo a Scampia, vittima un tossicodipendente. Corecom: "Non è un caso isolato"

“Lo obbligano a gridare, a buttarsi per terra e poi lo fanno entrare in un cassonetto dell'immondizia intimandogli di restare chiuso lì. Il tutto condito da risate e sfottò che testimoniano una profonda crudeltà pari solo alla loro stupidità”, racconta il consigliere campano di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che oggi ha ricevuto la segnalazione del video realizzato a Scampia.

Il video della vergogna

A rendere ancora più incredibile la notizia è la valanga di visualizzazioni che sta accumulando il video. “Sta diventando virale il video realizzato da alcuni ragazzi a Napoli che bullizzano un loro coetaneo con problemi di disabilità mentale. A bordo di uno scooter lo costringono a correre disperatamente per strada dietro la promessa di regalargli soldi”, racconta Borrelli indignato.

“È un video vergognoso – aggiunge Borrelli - per il quale mi auguro che gli autori siano individuati subito e, se hanno un briciolo di dignità, chiedano scusa pubblicamente. Mi rivolgo in particolare ai loro amici e ai familiari: fate capire a questi ragazzi la gravità di ciò che hanno commesso nell'interesse stesso di una loro crescita umana, culturale e sociale”. Professore picchiato a Villaricca, uno degli aggressori è il fratello di un alunno

A Benevento, un disabile picchiato finisce in coma

È arrivato in ospedale privo di sensi ed è tuttora ricoverato in coma un 50enne disabile, aggredito al centro di riabilitazione nel rione Libertà. L’uomo ha subito un violento trauma al capo, che lo ha ridotto in coma. I familiari hanno denunciato ai carabinieri l'aggressione. Roma, picchiano 12enne disabile al parco: identificate 3 ragazzine

Secondo una prima ricostruzione, il 50enne sarebbe stato colpito da un pugno al petto e scaraventato a terra. Nella caduta avrebbe battuto fortemente il capo e avrebbe perso i sensi. I soccorsi sono stati subito allertati e l'uomo è stato portato al pronto soccorso dell'ospedale Rummo di Benevento, dove gli esami diagnostici hanno rivelato il trauma cranico.

Sull'accaduto è stata aperta un'inchiesta, anche sulla scorta delle denuncia presentata dai familiari della vittima. Si indaga per ricostruire l'accaduto e identificare i responsabili.