Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Napoli, 15 Giugno 2021 – Vincenzo De Luca, presidente della Campania, ha vietato la somministrazione dei vaccini AstraZeneca e Johnson&Johnson nella Regione per le persone sotto i 60 anni. La comunicazione del governatore arriva dopo aver ricevuto la risposta dal ministero della Salute circa i dubbi e le perplessità sull’inoculazione dei due sieri che De Luca aveva sollevato nella giornata di domenica.

Niente AstraZeneca e Johnson&Johnson sotto i 60 anni”

Il presidente della Campania ha diffuso una nota stampa: “Ai nuovi vaccinati non sarà somministrato AstraZeneca al di sotto dei 60 anni – si legge -. Rispetto al vaccino Johnson & Johnson la posizione del Ministero non è definita in modo chiaro e vincolante. Pertanto tale vaccino non sarà somministrato sotto i 60 anni”.

Il Ministero: “Dati rassicuranti, sì al mix di vaccini”

La lettera di risposta del Ministero della Salute al presidente della Campania ha invece ribadito l’efficacia dei due vaccini anche e soprattutto in merito alla possibilità di fare il richiamo con un vaccino diverso da quello con cui si è ricevuto la prima dose. Il tema è diventato centrale dopo la sospensione dell’Unione Europea delle forniture di AstraZeneca e i recenti casi di trombosi.

I dati attualmente disponibili – ha scritto il ministero -, derivanti in particolare da due studi clinici condotti rispettivamente in Spagna e Inghilterra e citati nella vostra nota, forniscono informazioni rassicuranti in merito all'efficacia (in termini di buona risposta anticorpale) e alla sicurezza (in termini di accettabilità degli effetti collaterali) sul completamento del ciclo vaccinale, con un vaccino a mRNA, nei soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano già effettuato una prima dose di vaccino AstraZeneca (ciclo vaccinale misto)”.

Domani via ai richiami, mix solo per under 60

Nel frattempo la Campania farà partire da domani, mercoledì 16 giugno, i richiami per tutti quei cittadini che hanno ricevuto la prima dose di vaccino con AstraZeneca. Due modalità diverse: quelli sotto ai 60 anni riceveranno il cosiddetto ‘mix’ e sarà somministrato loro Pfizer o Moderna. Per gli ultrasessantenni invece niente dose eterologa, ma ancora AstraZeneca anche come richiamo.