In Campania mascherine obbligatorie anche in estate
In Campania mascherine obbligatorie anche in estate

Napoli, 5 luglio 2021 – Sale la curva dei contagi, Napoli e Verona tra le cinque province italiane che preoccupano di più. I dati indicano che “negli ultimi sette giorni ci sono cinque province che mostrano un trend di crescita lineare dell'incidenza, con consistenti valori medi del tasso di aumento settimanale», spiega il matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo del Cnr, riferendosi alle province di Napoli, Lodi, Verona, Caltanissetta, e Ascoli Piceno.

Nell'ultima settimana, nella provincia Verona si sono rilevati 14 casi ogni 100mila abitanti, con un tasso di aumento medio a settimana di 3,3 casi sempre per 100mila abitanti. Identico valore del tasso si osserva nella provincia di Napoli, con livello attuale di 17 casi a settimana per 100mila abitanti, leggermente più alto il valore del tasso rilevato nella provincia di Lodi, pari a 4,5, con livello attuale 23.

“In Campania obbligo mascherina anche in estate”

"La mascherina? Penso che ce la terremo pure per l'estate" ha detto oggi presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, oggi a Benevento per l'inaugurazione dell'hub
vaccinale dedicato alle attività economiche e produttive nell'area Asi di Ponte Valentino. "É un piccolo sacrificio, prepareremo entro questa settimana un piano di vaccinazione straordinaria per la popolazione studentesca", ha aggiunto.

In Veneto già si pensa a posticipare l'inizio della scuola

"Con l'assessora Elena Donazzan (Istruzione), stiamo valutando di posticipare l'inizio dell'anno scolastico. Probabilmente, andremo a fine settembre", ha annunciato oggi Luca
Zaia, presidente della Regione Veneto, durante una diretta facebook. Tra le motivazioni, ci sarebbero la questione della copertura vaccinale degli studenti, la cui maggior parte non sarà ancora immunizzata a settembre, e del settore turismo in Veneto, che potrebbe recuperare qualcosa di quanto perso quest'estate prolungando la stagione di un mese.

La curva torna a salire in tutto il Paese

Decisamente maggiori i livelli e i tassi di aumento nelle province di Caltanissetta, con valore 56 come livello e 5,6 come tasso, e di Ascoli Piceno, con livello 50 e tasso di aumento a settimana maggiore di 16, cioè più del 30%. La curva stimata della percentuale dei positivi ai test molecolari per l'infezione da virus SarsCov2 torna a salire in tutto il Paese: “Ha terminato la discesa dieci giorni fa circa, è rimasta in stasi per 5 giorni circa e da 5 giorni è in aumento, passando dallo 0.6% all'1%”, sottolinea l'esperto del Cnr. Secondo Sebastiani “i dati di questa settimana saranno utili per capire se si tratta degli aumenti osservati da tre settimane in decine di province italiane, che si sono rivelati transitori e tipici di focolai circoscritti, o se invece si tratta di una vera e propria ripresa della diffusione non circoscritta”.