quotidiano nazionale
23 mag 2022
23 mag 2022

Covid Campania, il bollettino del 23 maggio. Contagi ai minimi storici: sotto i mille casi

Sono 968 i nuovi positivi delle ultime 24 ore, a fronte di circa 8mila tamponi analizzati. Migliorano i reparti ordinari (45), terapie intensive stabili (31). Sono 8 le vittime

23 mag 2022

Napoli, 23 maggio 2022 – Numeri ai minimi storici per la Campania, dove oggi si registrano soltanto 968 nuovi casi: un netto crollo rispetto ai 2.080 di ieri. Il dato risente del solito calo dei tamponi del weekend, ma comunque mostra un’inarrestabile inversione di tendenza che sta portando i campani verso un’estate di normalità. Per una volta, la Campania non è tra le regioni più a rischio. È il Lazio oggi a far registrare il numero più elevato di nuovi contagiati (+1.341 casi). Poi l'Emilia-Romagna (+1.224), la Lombardia (+972) e infine la Campania (+968). Ecco la situazione aggiornata in Italia: contagi sotto quota 10mila

Approfondisci:

Covid oggi in Campania, i dati del 24 maggio. Contagi triplicati e ricoveri in aumento

Covid Campania, cosa sta succedendo:

Covid Campania, i dati del 23 maggio 2022
Covid Campania, i dati del 23 maggio 2022

Il bollettino di oggi

Hanno dato esito positivo 909 test antigenici e 59 molecolari, a fronte di un totale di 7.854 tamponi processati. Ci sono 7 vittime (+6) nel bollettino regionale di oggi: quattro nelle ultime 48 ore e tre persone morte in precedenza, ma registrate soltanto ieri. Un dato che porta a 10.466 il bollettino dei morti in tutta la Campania da febbraio 2020 ad oggi. Calano anche i ricoveri nei reparti ordinari negli ospedali della Campania: sono 457 i posti letto di degenza occupati (-11), mentre le terapie intensive crescono solo di un paziente, arrivano a 31 ricoveri in tutti.

I campani attualmente positivi sono 138.338, una riduzione di 2.049 isolamenti in meno rispetto a ieri. Le persone risultati negativi dall’ultimo tampone sono 3.010 e portano a 1.544.582 il totale dei campani dimessi e guariti da inizio pandemia ad oggi.

Approfondisci:

Napoli, tumori trascurati per paura del Covid, interventi record al Cardarelli

Province, casi quasi azzerati

Mai stati così bassi i casi riscontrati dall’analisi dei tamponi: con un totale di 968 nuovi positivi in tutta la regione, i numeri delle diverse province mostrano numeri vicinissimi allo zero, o quasi. Soltanto una zona vicina a quota 500, a trainare il report dei contagi è sempre la Città metropolitana di Napoli con 475 positivi e quasi 923mila casi in due anni e mezzo di pandemia, nonostante il dimezzamento dei casi (-447 in un giorno).

Crollano a 209 tamponi positivi i dati di oggi nel Salernitano (-350), il bilancio storico dei contagi sfiora i 303mila. Nelle ultime 24 ore, a Caserta la situazione è decisamente migliorata: sono 170 gli ultimi contagi rilevati (-180) 265mila i positivi dall’inizio della pandemia, scendono i dati anche nella provincia di Avellino con 68 contagi (-73) e 106mila positivi in tutto. Numeri residuali nel Beneventano, dove oggi si registrano soltanto 31 casi (-77), per un totale 67mila contagi.

Emergenza sanitaria in Campania

Dopo l’ultima aggressione di un sanitario della guardia medica di Melito, in Regione spunta un appello: “Subito il potenziamento del personale”. A dirlo è la consigliera regionale di FdI, Carmela Rescigno, decisa a sollevare la questione in aula.

"La mia più totale solidarietà, da medico e da consigliere regionale della Campania – duce la consigliera regionale – al collega aggredito mentre era in servizio notturno nella sede territoriale della continuità assistenziale di Melito dell'Asl Napoli 2 Nord. Episodi ormai all'ordine del giorno. C'è un'emergenza sicurezza nei presidi medici, da affrontare subito. Videosorveglianza, più forze dell'ordine e soprattutto potenziamento del personale medico devono essere le risposte da mettere in campo".

In aggiornamento

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?