quotidiano nazionale
6 apr 2022

Covid Campania oggi, il bollettino del 6 aprile. Tasso di incidenza in calo al 17,47%

Sono 7.277 i nuovi casi positivi, 12 i morti registrati nelle ultime 48 ore. Il tasso di incidenza passa dal 18,21 di ieri al 17,47% di oggi

6 apr 2022

Napoli, 6 aprile 2022 – Netto miglioramento dei contagi in Campania: dopo l’exploit dei 10mila contagi di ieri, nelle ultime 24 ore si sono registrati 7.277 positivi al Coronavirus, di cui 6.381 al test antigenico e 896 al tampone molecolare. Il tasso di incidenza scende al 17,47%, contro il 18,21 di ieri.

Sono 12 i decessi nelle ultime 48 ore, dei quali 2 avvenuti in precedenza ma registrati ieri. A comunicarlo è l'Unità di crisi regionale. I tamponi processati ieri sono stati 41.631, di cui 30.747 test antigenici e 10.884 molecolari. Stabile la pressione ospedaliera: mentre nei reparti di area medica oggi ci sono 725 ricoverati, esattamente come ieri, nelle terapie intensive si registra una lieve diminuzione dei pazienti che arrivano a quota 31 (-4).

Approfondisci:

Covid, il bollettino Italia di oggi: i dati del 6 aprile su contagi, morti e ricoveri

Antivirali, apertura ai medici di base

Si apre uno spiraglio nella prescrizione dei farmaci antivirali nella cura al Covid, fumata bianca dal ministro Speranza durante il Question time di oggi alla Camera. La possibilità di prescrizione degli antivirali contro il Covid da parte dei medici di famiglia "è un atto dovuto per la gestione concreta di una pandemia che sta evolvendo verso un'endemia. E che continua a rappresentare un rischio per le persone fragili e anziane, sulle quali un intervento terapeutico immediato potrebbe cambiare la storia del paziente". A dirlo è il segretario generale del sindacato dei medici di famiglia Fimmg, Silvestro Scotti, in merito all'apertura fatta oggi dal ministro Roberto Speranza sulla prescrizione di questi farmaci sul territorio, a cui ha già cominciato a lavorare la Cts dell'Aifa.

Approfondisci:

Quarta dose vaccino Covid: "No per tutti, sì a booster per over 80". Ecco perché

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?