Il consigliere campano della Lega Severino Nappi
Il consigliere campano della Lega Severino Nappi

Napoli, 12 gennaio 2022 - "De Luca ha accusato Draghi di demagogia ma il demagogo è proprio lui, perché la Regione Campania pubblica i dati dei risultati dei test a seconda della convenienza politica e personale del presidente per giustificare scelte politiche folli". Lo ha affermato Severino Nappi, consigliere regionale campano e coordinatore metropolitano della Lega a Napoli, intervistato dall'emittente televisiva Canale 8.  
Covid Napoli, medici di base denunciano "infezioni fantasma" dovute alla burocrazia
Riapertura scuole Campania, il Tar accoglie il ricorso: sospesa l'ordinanza regionale
Napoli, riapertura scuole. De Luca: "Ffp2 non arrivate. Misure del Governo virtuali"

"Il giorno dopo la sentenza del Tar sull'ordinanza regionale sulla scuola (il Tar ha accolto il ricorso del Governo e sospeso l'ordinanza della Regione che imponeva la Dad, ndr), infatti - ha aggiunto Nappi - è stato pubblicato il dato del record assoluto di contagi in Campania. Se si va a guardare la tabella, improvvisamente vengono dichiarati i tamponi antigenici, non riportati nei giorni precedenti. Il dato, quindi, è fatto solo per gonfiare e dare la sensazione che la situazione in Campania stia precipitando". 
Covid Campania, 11 gennaio: oltre 30mila contagiati, 20 decessi, +91 ricoverati






Bollettino Covid Campania 11 gennaio 2022   Covid Campania, i dati del 10 gennaio
I dati del Bollettino della Campania forniti ufficialmente dalla Regione negli ultimi due giorni, il 10 e l'11 gennaio 2022: balzo nel totale ma i numeri non tornano nelle singole province

Interrogazione in Consiglio regionale per "capire andamento reale antigenici"

"Nonostante da più di un anno il Ministero della Salute abbia imposto alle Regione di comunicare entrambe le rilevazioni, la Campania non ha mai rispettato queste indicazioni. Per questo motivo, oggi presenteremo un'interrogazione in Consiglio regionale per capire qual è l'andamento reale dei tamponi antigenici nei giorni precedenti".  
Secondo Nappi "non è la prima volta che succede. Già il 18 marzo del 2021, infatti, la Regione aveva smesso di pubblicare il dato degli antigenici perché la Campania era in zona rossa. Escludendo quella rilevazione e contando solo i tamponi molecolari, la settimana successiva sarebbe passata in zona gialla".