Covid
Covid

Napoli, 8 giugno 2021 – Un lieve aumento del numero dei positivi a fronte, però, di quasi il triplo dei tamponi. È quanto emerge dall’ultimo bollettino dell’Unità di Crisi regionale sull’andamento del contagio in Campania, dove nelle ultime 24 ore si registrano 251 nuovi casi di Covid-19 (ieri erano 177) su 9.473 tamponi molecolari analizzati (contro i 3.406 della giornata precedente).

Vaccini ai ventenni: quali regioni ne hanno fatti di più. La mappa

Ospedali, calano i ricoveri: 14 in meno

Gli asintomatici sono 70, mentre quelli che presentano sintomi 181. I test antigenici eseguiti sono 5.621. Le vittime sono invece 16, delle quali sette decedute negli ultimi due giorni e nove in quelli precedenti, ma registrate ieri. Il totale dei morti nella regione da inizio pandemia sale così a quota 7.268, mentre quello dei guariti a 351.905.

Il tasso di incidenza scende nettamente, passando dal 5,19% del 7 giugno al 2,64% di oggi. Positivo anche il trend dei ricoveri ospedalieri: i posti letto attualmente occupati in terapia intensiva sono infatti 42 (uno in meno di ieri) e quelli liberi 656; nei reparti ordinari di degenza sono invece 553 (-13), con 3.160 non occupati tra strutture pubbliche e a offerta privata.

Vaccini, coperto il 26,1% dei 20-29enni

Per quanto riguarda l’andamento della campagna vaccinale, nella regione, fino alle 17 di oggi, sono stati vaccinati con la prima dose 2.720.082 cittadini. Di questi 1.092.053 hanno ricevuto anche il richiamo. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 3.812.135.

La Campania è inoltre in testa alla ‘classifica’ delle regioni che hanno somministrato più dosi di siero anti Covid ai giovani di età compresa tra i 20 e i 29 anni, avendo coperto il 26,1% di questa fascia della popolazione.

Seguono il Friuli-Venezia Giulia con il 21,8%, l’Umbria al 21,3%, la Lombardia con il 20,7%, la Sicilia al 20,3% e la Basilicata col 20%. Considerando nella graduatoria anche le province autonome di Trento e Bolzano, troviamo che quest’ultima ha raggiunto già il 30,3% di vaccinati nella fascia in esame.