Napoli, 22 dicembre 2021 – Nuova impennata di contagi in tutto il Napoletano, dove nelle ultime 24 ore si registrano 2.650 nuovi casi di Covid. Un numero che, in rapporto ai 49.957 tamponi esaminati, fa crescere l’incidenza al 5,30%, in aumento rispetto al 4,31% di ieri. Sono 7 i nuovi decessi inseriti nel bollettino diffuso oggi dall'unità di crisi regionale.

Sono 28.910 i campani attualmente positivi al virus, di cui 495 in cura nelle strutture sanitarie e tutti gli altri in isolamento domiciliare. Cresce anche la pressione ospedaliera, sia in terapia intensiva – dove oggi ci sono 32 pazienti gravi, 3 più di ieri – sia nei reparti di degenza medica con 463 posti letto occupati, 5 più di ieri.

Covid oggi Italia: dati in aumento. Bollettino con i contagi del 22 dicembre - Restrizioni Natale e Capodanno: cosa ha detto Draghi. Dai tamponi alle Ffp2, le misure

La situazione nelle province

Il maggior numero dei contagi continuano ad essere nell’area della Città metropolitana di Napoli, con 1.541 nuovi casi che portano a 310.606 il totale dei casi che si sono verificati negli ultimi due anni. La seconda città, per numero di contagi, oggi è Salerno con 529 persone risultate positive nelle ultime ore, che portano il conteggio totale dei casi riscontrati finora in tutta la provincia a 83.949 unità.

A Caserta ci sono altri 351 casi e un bilancio dei contagiati dal virus di 79.840 persone, dal febbraio 2020 ad oggi. Subito dopo, nella classifica dei contagi di oggi per provincia, compare Avellino con 117 nuovi contagi e un conto complessivo dei malati e dei guariti di 24.238 persone contagiate in due anni. Benevento oggi ha invece registrato 81 nuovi positivi, per un totale di 15.834 casi in tutto.

Tamponi, impennata di richieste nel Napoletano

Aumento di richieste di tamponi nelle farmacie del Napoletano, l’avvicinarsi delle feste e la curva dei contagi in continua crescita sta facendo registrare il tutto esaurito. "Negli ultimi giorni abbiamo registrato un'impennata di richieste da parte dei cittadini, è un fenomeno equamente distribuito su tutto il territorio di Napoli e provincia”, conferma Riccardo Maria Iorio, presidente di Federfarma Napoli. “Purtroppo non c'è solo l'avvicinarsi di cene e cenoni delle festività spiega Iorio –, ma anche un aumento dei casi di positività e la conseguente necessità per le persone venute a contatto con soggetti positivi di effettuare un test di verifica: un mix che ha generato un aumento significativo dei tamponi richiesti dai cittadini nelle nostre farmacie".

Covid Campania, assessora Fortini: "Un centinaio i docenti no vax da sospendere" - Zona arancione e gialla in Italia: le regioni a rischio. Quando possono cambiare, i dati

"Stiamo raccogliendo le richieste dei cittadini prosegue senza generare il minimo disservizio nella normale e regolare dispensazione dei farmaci. Le farmacie napoletane sono impegnate nella somministrazione di tamponi oramai da un anno ed hanno per questo rodato una perfetta organizzazione: anche per la vigilia di Natale, giorno in cui prevediamo il picco di richieste, siamo pronti a far fronte alle richieste della cittadinanza". Iorio sottolinea che si registra "un sensibile aumento dei casi di positività, che nella stragrande maggioranza dei casi riguarda persone non vaccinate”. E lancia un appello. “Invitiamo i cittadini alla massima cautela nel corso delle festività natalizie e, ancora una volta, rinnoviamo l'invito alla vaccinazione, anche per l'ulteriore copertura che garantisce la terza dose: al momento resta l'unica difesa contro il Covid-19".