covid Campania bollettino del 18 novembre 2021
covid Campania bollettino del 18 novembre 2021

Napoli, 18 novembre 2021 - Continua a salire, in Campania, l'indice di contagio e torna a superare quota mille contagiati al giorno, con oltre 13 mila persone in quarantena. 
Nelle ultime 24 ore sono infatti 1.037 i positivi al Covid su 32.539 test esaminati, come risulta dal bollettino diramato dalla Regione Campania. Se ieri l'indice era pari al 2,84% oggi è 3,18%. 
I campani che sono in isolamento a causa del coronavirus oggi sono 13.217 (+421 rispetto a ieri).
Cinque i decessi nelle ultime 24 ore.
Negli ospedali aumentano anche i ricoveri nelle terapie intensive che arrivano a 24 (+3 rispetto a ieri); pressoché stabili invece i 296 posti letto occupati in degenza (-1 rispetto a ieri). 
Covid oggi Italia: ancora su ricoveri e rianimazioni. Bollettino e dati del 18 novembre




De Luca: "Il Governo sbaglia: subito la terza dose"

"Dobbiamo lavorare subito per completare le vaccinazioni. Il Governo sbaglia. Perché dobbiamo aspettare all'inizio di dicembre per estendere la terza dose? Passati sei mesi dalla vaccinazione, bisogna farla subito, senza perdere un minuto". Così il presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca, parlando con i giornalisti oggi alle ore 13. 
Vaccino Covid, terza dose partita troppo tardi. Sei milioni oltre la soglia di sicurezza

"Questo - ha aggiunto De Luca - se vogliamo evitare di chiudere l'Italia. E siamo ad un passo da questa prospettiva". 
La Campania, aveva già dichiarato De Luca nei giorni scorsi, ha dato disposizione per eseguire subito le terze dosi, senza fasce d'età, a tutti i cittadini purché siano trascorsi sei mesi dall'immunizzazione.
Covid Campania, 17 novembre: 871 nuovi positivi su oltre 30mila test, 10 le vittime

Triplicati i contagi sotto i 15 anni

"Abbiamo dei focolai - ha detto il Governatore a proposito della situazione Covid in Campania -. Ancora sotto controllo le terapie intensive dove la situazione è soddisfacente, ma cominciamo a registrate ingressi nei reparti ordinari che devono preoccuparci. Indossiamo la mascherina sempre". 
"È evidente che, se non stiamo attenti, rischiamo di dover richiudere tutto - ha aggiunto De Luca -.  Gli ultimi dati - aggiunge - vedono una triplicazione del contagio per fascia d'età sotto i 15 anni, in particolare tra gli 11 e i 13 anni. Su questa fascia c'è un problema delicato". 
Covid Napoli: chiuso il pronto soccorso di Villa dei Fiori ad Acerra

La Campania si prepara ad incremento del 20% dei contagi in 2 settimane

Vincenzo De Luca ha parlato della riunione avuta ieri pomeriggio con i sanitari per fare il punto settimanale sulla pandemia: "Abbiamo detto a tutti i direttori generali di essere pronti col piano B, poi c'è piano C e poi l'emergenza assoluta. Cominciamo a preparare i posti letto adeguati ad un incremento del 20% dei contagi. All'ospedale del Mare abbiamo ancora attivo il Covid residence con 50 posti liberi. Oggi non abbiamo emergenze ma dobbiamo sapere che è inevitabile che tra due settimane arriveremo dove sono arrivati gli altri paesi d'Europa. La preoccupazione più grande è che quando gli irresponsabili determinano la congestione degli ospedali tolgono diritto alla salute ai malati di turmore, ai pazienti cardiopatici e a chi ha problemi neurologici: è inevitabile, se si riempiono gli ospedali gli altri pazienti non avranno le cure necessarie. Questo è veramente un delitto che deve essere fatto pesare sulle spalle dei no vax". 
Covid Napoli, Tar Campania: illegittima chiusura scuole a inizio 2021 decretata da De Luca