Napoli, 31 agosto 2021 - “L'obiettivo dei primi 100 giorni è far ripartire il Comune di Napoli, che oggi è deserto, oggi c'è il palazzo ma nulla dentro. Serve la riorganizzazione per accendere i motori, spendere i fondi”. Questo il primo passo annunciato da Gaetano Manfredi, candidato sindaco di Napoli di centrosinistra e Movimento Cinque Stelle nella conferenza stampa di presentazione del suo programma per la città. “Lo farò ripartire con i dipendenti comunali che oggi spesso non sanno cosa fare, serve una profonda ripartenza della macchina organizzativa”, ha aggiunto Manfredi.

La Giunta "mista"

 "Farò una giunta tecnico-politica di alto livello che sarà in grado di dare risposte alla città", ha dichiarato il cadidato. E nella sua squadra di governo, assicura, "ci sarà una significativa presenza di donne".

La grande sfida: investire sui giovani

Quello di Gaetano Manfredi è un programma "molto articolato, ricco, che guarda allo sviluppo della città, all'inclusione e al miglioramento dei servizi: quello che ci stanno chiedendo i cittadini per avere una Napoli grande capitale europea". Per l'ex rettore della Federico II "bisogna intervenire sicuramente sui servizi di prossimità: più decoro, più pulizia, più trasporti, più sicurezza, più ordine". Ma è necessario anche "guardare molto allo sviluppo perché la città ha bisogno di lavoro, di ridurre le differenze creando uno sviluppo più omogeneo tra il centro e le tante periferie". Cruciale è "il tema dei giovani". La grande sfida per Napoli e per tutto il Mezzogiorno è "investire - evidenzia Manfredi - sull'educazione, sulla scuola. Si deve fare in modo che i ragazzi abbiano la possibilità di essere seguiti, formati e di avvicinarsi al mondo del lavoro".

Napoli, grande capitale europea

"Noi non abbiamo bisogno di assistenzialismo, ma di essere considerati una città importante per il Paese - le parole di Manfredi -. Una città dove ci sono dei problemi sociali reali, una città che è stata fortemente penalizzata negli ultimi anni. Noi pretendiamo di essere messi in condizione di poter esprimere le nostre capacità: questo è quello che farò da sindaco. Napoli dimostrerà di essere all'altezza della sfida".