Immagini di repertorio
Immagini di repertorio

Napoli, 8 settembre 2021 – Il verdetto ufficiale è arrivato: per la commissione prefettizia insediata negli uffici del parco Quadrifoglio a Soccavo, sede dell'Ufficio elettorale del Comune di Napoli, sono fuori dalla corsa alle comunali del 3 e 4 ottobre 5 liste non ammesse per il ritardo nella consegna. Si tratta di due liste civiche di Catello Maresca, candidato sindaco di centrodestra; la lista della Lega, quella degli ambientalisti, e una a sostegno della candidata sindaca Alessandra Clemente. Adesso toccherà al Tar, a cui hanno già annunciato di ricorrere i responsabili delle varie liste rimaste fuori, stabilire la loro partecipazione o meno alla competizione elettorale.

​​Restano fuori le due civiche di Catella 

Le due liste civiche riferimento diretto del candidato di centro destra “Catello Maresca sindaco" e “Catello Maresca” non sono state ammesse per vizi nella documentazione presentata. "Non me l'aspettavo - commenta Maresca - perché speravo che prevalessero la ragionevolezza e la logica, noi eravamo dentro con parte della documentazione ed i coadiuvati stavano consegnando il resto. Ci hanno impedito di entrare a portare la documentazione integrativa. Gli avvocati sono già al lavoro: faremo valere i nostri diritti in ogni sede". Contro "i formalismi", il magistrato punta a "far prevalere la democrazia". Stante la notifica, con l'esclusione delle due liste saltano le candidature a consiglieri, fra gli altri, di Pietro Diodato, Roberto Ionta, Daniela Villani, Gianluca Muscettola, Claudio Salvia, Roberto Cuciniello e Giuliana Covella.

Anche la Lega esclusa dalla corsa al Consiglio comunale

È pronto il ricorso contro l'esclusione della lista “Prima Napoli” dalla corsa per il Comune di Napoli, penalizzata per aver consegnato con un minuto di ritardo gli elenchi dei candidati. “Siamo certi che la magistratura avrà gli strumenti e saprà valutare quanto accaduto e, dunque, potrà accertare che i nostri delegati erano già all'interno della struttura prima dello scadere del termine. L'esclusione di una lista cardine della coalizione di centrodestra che sostiene la candidatura a sindaco di Catello Maresca sarebbe del resto un grave vulnus”. Così in una nota i Coordinatori regionale e cittadino della Lega, Valentino Grant e Severino Nappi.

Tagliata fuori la lista “Alessandra Clemente sindaco”

"Stiamo lavorando al ricorso che presenteremo al Tar in tempi celeri, siamo fiduciosi di un esito positivo". Queste le parole della candidata sindaca di Napoli, l’ex assessora Alessandra Clemente alla conferma dell'esclusione della lista 'Alessandra Clemente Sindaco'. La ricusazione della lista è avvenuta per "un vizio formale rilevato nella presentazione della stessa".