quotidiano nazionale
19 gen 2022

Napoli, resta chiuso dopo il crollo il Cimitero di Poggioreale

Si attendono le disposizioni dall'autorità giudiziaria. I numeri di telefono per l’assistenza ai familiari dei defunti

19 gen 2022
Il crollo del 5 gennaio 2022 al cimitero di Poggioreale
Il crollo del 5 gennaio 2022 al cimitero di Poggioreale
Il crollo del 5 gennaio 2022 al cimitero di Poggioreale
Il crollo del 5 gennaio 2022 al cimitero di Poggioreale

Napoli, 19 gennaio 2022 - Non riapre il Cimitero Monumentale di Poggio Reale a Napoli. In attesa di nuove disposizioni dell'autorità giudiziaria, sulla base del decreto di sequestro del Tribunale, il cimitero, interessato da un crollo avvenuto nelle scorse settimane, resta chiuso. Lo comunica il comune di Napoli.

Queste le congreghe interessate dal crollo:
1) Bianchi dei Dottori di Maria degli Angeli e San Giovanni Battista della disciplina (Limoncello)
2) Immacolata Concezione e S. Gioacchino a sopramuro al Carmine 1

Il crollo ha interessato circa il 30% della struttura dei due edifici e in particolare l'area in corrispondenza degli ingressi principali (lato sud).

Gli inquirenti avevano disposto il sequestro nel cimitero dell'area adiacente a quella dove, lo scorso 5 gennaio, si è verificato il crollo della palazzina delle congreghe di San Gioacchino e dei Dottori Bianchi. L'area, circoscritta dai carabinieri, è inaccessibile ai visitatori per motivi di sicurezza.

La società Metropolitana Napoli spa aveva ammesso che nella notte c'era stato un allagamento della galleria sotterranea in fase di scavo per il collegamento tra Poggioreale e Capodimonte e si era impegnata a sostenere i costi per la messa in sicurezza.

Manfredi: Speriamo in tempi rapidi

“Adesso è tutto nelle mani della magistratura, speriamo che la questione si risolva in tempi rapidi perché è importante mettere in sicurezza il sito ma, soprattutto, recuperare le salme e dare loro una degna sepoltura”, le parole del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. 
“Noi stiamo facendo il massimo” aggiunge il sindaco. L'assessore Santagada sta seguendo personalmente la questione con i parenti che sono stati coinvolti “in questa grande tragedia”.

“Al momento la vicenda - ha detto Manfredi - è fuori dal nostro perimetro di intervento perché tutta l'area cimiteriale è stata sequestrata. C'è un impegno della magistratura di poter operare in tempi molto rapidi, e questo perché credo che sia molto importante mettere subito in sicurezza il sito ma soprattutto recuperare le salme e dargli una degna sepoltura, aspetto su cui c'è sicuramente una grande attenzione da parte dell'amministrazione, ma non siamo gli unici attori in campo. È un tema che abbiamo seguito ora per ora, prima l'assessore Cosenza poi l'assessore Santagada, adesso è nelle mani della magistratura e speriamo che la questione si risolva in tempi rapidi”, ha concluso.

Assistenza ai familiari dei defunti

Il Comune di Napoli, d'intesa con la Curia e gli Enti Titolari del censimento dei loculi, è impegnata a garantire assistenza alle famiglie dei defunti rimasti coinvolti dal crollo al cimitero di Poggioreale.

Questi i contatti delle Arciconfraternite  per ricevere informazioni: 081.5516753, dalle ore 9 alle 17. 

Per avere informazioni sulla congrega "Bianchi dei Dottori di S. Maria degli Angeli" è possibile chiamare il numero 360.841037 

Sono attive, per la richiesta di informazioni, anche le seguenti caselle di posta elettronica: s.gioacchino1@libero.it per la cappella di "S. Gioacchino sopramuro al Carmine 1" e arc.oratorioaloreto@libero.it per la cappella "Bianchi dei Dottori di S. Maria degli Angeli".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?