Mercoledì 17 Luglio 2024

Camorra, omicidio Bortone, 4 fermati dall'Antimafia. D'Isidoro si salvò grazie al borsello

L'uomo, legato al cln Ranucci, lo portava a tracolla e per questo è rimasto solo ferito nell'agguato di via Solimene a Sant'Antimo dell'8 marzo scorso: furono sparati 17 colpi

Il luogo dove è stato ucciso Antonio Bortone, Sant'Antimo (Ansa)

Il luogo dove è stato ucciso Antonio Bortone, Sant'Antimo (Ansa)

Napoli, 28 marzo 2023 - Si è salvato solo grazie al borsello, che ha deviato alcuni colpi, Mario D'Isidoro, ritenuto legato al clan Ranucci, ferito in un agguato scattato lo scorso 8 marzo a Sant'Antimo, in provincia di Napoli, in cui invece è rimasto ucciso Antonio Bortone. Emerge dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo del gruppo di Castello di Cisterna che hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia di Napoli nei confronti di quattro persone

Approfondisci:

Spari a Napoli, gambizzato perché si oppone a furto scooter: è grave

Spari a Napoli, gambizzato perché si oppone a furto scooter: è grave

Si tratta di C. M., 34enne di Scampia, V. G., 31enne, L. M., 23enne, entrambi di Sant'Antimo, e C. F., 31enne di Grumo Nevano, ai quali gli inquirenti contestano i reati di omicidio e tentato omicidio, aggravati dalle modalità mafiose. Durante il raid sono stati esplosi numerosi colpi di arma da fuoco (ben 17 i bossoli trovati sul luogo dell'agguato) che hanno ucciso Bortone, lasciato riverso a terra nel cortile del complesso residenziale di via Solimene, e ferito D'Isidoro, riuscito a salvarsi grazie al borsello, indossato a tracolla, che ha deviato la traiettoria di alcuni proiettili. D'Isidoro ha trascorso un breve ricovero all'ospedale di Aversa (Caserta), e poi è stato dimesso.