quotidiano nazionale
29 apr 2021
29 apr 2021

Napoli, camorra: il racket della prostituzione veniva gestito dal carcere

Un presunto affiliato al clan Sibillo, in cella a Secondigliano, avrebbe chiamato la compagna per informarsi sui “prelievi” di contanti dalle prostitute

29 apr 2021
featured image
Napoli, camorra: il racket della prostituzione veniva gestito dal carcere

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?