Napoli, 25 agosto 2021 - Pericolo di fuga, inquinamento probatorio e reiterazione. La gip di Napoli Linda D'Ancona non ha dubbi: il decreto di fermo della Dda per la boss Maria Licciardi “va convalidato” e la donna resta in carcere. Lady Camorra, 70 anni, fu arrestata il 7 agosto all'aeroporto di Roma-Fiumicino in procinto di lasciare l'Italia per la Spagna. Ma il Ros era sulle sue tracce e l'arrestò prima che potesse scappare. Già due giorni dopo il gip di Roma convalidò il fermo e inviò gli atti a Napoli per competenza territoriale. Adesso il gip partenopeo si è pronunciato e ha lasciato in carcere la donna accusata di essere la mente dell'Alleanza di Secondigliano, clan potentissimo di Napoli. Le accuse sono di camorra, estorsione e turbativa d'asta. La difesa è intenzionata a presentare il ricorso al Riesame.

Napoli, camorra. Maria Licciardi arrestata a Roma, Lamorgese: “Segnale forte dello Stato"