Vaccino Covid (immagini di repertorio)
Vaccino Covid (immagini di repertorio)

Napoli, 22 ottobre 2021 – Torna a salire il tasso di incidenza per il Covid in Campania che passa dall’1,40% di ieri all’1,84 di oggi. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione sono 450 i positivi su 24.350 test. I morti sono 8. Cala l'occupazione dei posti letto. Ci sono 21 ricoverati in terapia intensiva (-2) e 186 in degenza (-2).

In settimana 500 casi in più. De Luca: “Contagi in aumento, dobbiamo preoccuparci”

"Nella settimana 9-15 ottobre abbiamo avuto un numero di positivi di 1723 unità. Nella settimana appena terminata, 16-22, 2228 positivi, cioè 500 positivi in più". Lo dice il presidente della Campania Vincenzo De Luca nel corso del consueto appuntamento social del venerdì pomeriggio per fare il punto sull'emergenza Covid. "Il dato preoccupante - spiega il governatore - è che passiamo da un tasso di positività, cioè la percentuale dei positivi sui tamponi fatti, che due settimane fa era del 3,40%, oggi è del 4,40%. E' cresciuto di un punto percentuale. Questo vuol dire che siamo di fronte a una tendenza lenta, ma percepibile, all'aumento dei contagi. Grazie a Dio, siccome abbiamo un numero altissimo di vaccinati, questo aumento di contagi non ha una ricaduta sui ricoveri ospedalieri, e tuttavia e' un dato che deve cominciare a preoccuparci" afferma De Luca che in giornata si è sottoposto alla somministrazione della terza dose di vaccino. Covid Campania, 21 ottobre 2021: 335 nuovi casi, due decessi. Domani De Luca terza dose

Altri 9 alunni alla scuola 'Di Giacomo-Santa Chiara' di Qualiano, chiusa da lunedì

Altri 9 alunni dell'istituto comprensivo 'Di Giacomo-Santa Chiara' di Qualiano (Napoli) sono risultati positivi al Covid-19. E' quanto emerso dall'esecuzione di 155 tamponi su tutti gli alunni della scuola dell'infanzia e sugli insegnanti, decisa dopo la scoperta di un focolaio Covid che ha riguardato in particolare figli di genitori non vaccinati

Vaccino: sostegno psicologico della Asl 1 Napoli per chi lo teme

Napoli, 22 ottobre 2021 - Parte domani un servizio di sostegno psicologico che l'Asl Napoli 1 Centro dedica a tutti coloro che hanno timore o angoscia a sottoporsi alla vaccinazione Covid-19. L'iniziativa - spiega una nota - fa parte delle azioni che l'azienda sanitaria ha messo in campo su preciso indirizzo del governo regionale nell'ambito della Campagna di comunicazione 'Vaccinarsi tutti per tornare alla vita'. "Proprio perché consapevoli di quanto la disinformazione trovi il suo punto d'appoggio nel mondo emotivo e nelle angosce dei cittadini - dice Claudio Zullo, direttore della Psicologia Clinica della Asl Napoli 1 Centro - abbiamo pensato di offrire il nostro intervento di supporto psicologico, inteso quale spazio di ascolto finalizzato ad attivare processi decisionali consapevoli nel rispetto dell'individualità del singolo".

I numeri da contattare

Per questo è stata attivato un servizio di ascolto telefonico ai numeri 081-2549083 (UOC Direzione DS Scampia), 081-2549283 (presso UOC A.T. piazza Nazionale) e 081-2548410 (UOC AT Soccavo). Chiamando questi numeri (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13) gli utenti dell'Asl Napoli 1 Centro che vogliono avere un sostegno psicologico per accedere alla vaccinazione troveranno ascolto diretto, con la possibilità di un vero e proprio accompagnamento psicologico alla vaccinazione. Durante i weekend il percorso si potrà concludere con accoglienza e sostegno al centro vaccinale Mostra d'Oltremare dove (dalle 8 alle 20) saranno presenti gli psicologi dell'Asl Napoli 1 Centro in una postazione dedicata. "Il servizio - spiega il direttore generale Ciro Verdoliva - nasce per dare la possibilità, a coloro che lo vorranno, di ottenere un sostegno in termini di ascolto e consapevolezza, così da superare condizioni emotive che bloccano o ostacolano processi decisionali importanti per la salute di tutti". L'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e provincia e l'Asl Napoli 1 Centro, in collaborazione tra loro, e grazie alla disponibilità offerta da numerosi medici volontari in pensione, hanno organizzato un numero verde a disposizione della cittadinanza che fornisce riscontro a possibili quesiti di natura strettamente medico-scientifica, sulla base delle direttive fornite dai documenti elaborati dal ministero della Salute, dall'Iss, dall'Aifa e dall'Ema. Il numero verde 800.95.44.27, è attivo dalle 09 alle 14 dal lunedì al venerdì.